L’ANALISTA PREVEDE CHE LA STRIP DI LAS VEGAS VADA VERSO UNA FLESSIONE NEL 2023

analyst_predicts_strip_headed_for_a_revenue_decline_in_2023_2Mentre stiamo vedendo che la maggior parte dell’industria mondiale dei casinò è in piena ripresa, superando i numeri delle entrate che erano stati pubblicati prima dell’emergenza sanitaria mondiale, alcuni osservatori e analisti sono dell’idea che niente di buono può durare per sempre.

Un punto su cui si concentra la visione è sulla fenomenale ripresa e crescita della traiettoria ascendente per Las Vegas e in particolare della Strip.

Nella sua rubrica settimanale di Indy Gaming sul Nevada Independent, il pluripremiato giornalista Howard Stutz espone questi pensieri con l’analista che è giunto alla conclusione che la serie da record di aumento delle entrate dal gaming sulla Strip di Las Vegas non può continuare.

Tuttavia, afferma che non è la fine del mondo e che una riduzione dei ricavi non vuol dire necessariamente che gli operatori di casinò inizieranno a perdere denaro: potrebbero semplicemente non godere di margini fino al 40% come hanno fatto nel recente boom del gaming.

SI STANNO STABILENDO I RECORD DI ENTRATE DI TUTTI I TEMPI

Stutz osserva che nell’ultimo anno, i resort sulla Strip hanno battuto record di entrate in nove di quei mesi con luglio che ha battuto il record di tutti i tempi con 792,6 milioni di dollari di entrate.

La prevista recessione economica ricopre un ruolo nell’analisi con un previsto indebolimento della domanda di viaggi di piacere da parte delle persone con un limitato reddito a disposizione, secondo una nota del principale analista del gaming di Fitch Ratings Service, Colin Mansfield. L’osservatore del settore prevede una flessione fino al 10% dei ricavi della Strip nel prossimo anno solare.

Mansfield ha affermato in un’intervista: “Il mercato è molto al di sopra dei livelli di entrate pre-pandemia. Ma se prendi in considerazione i venti contrari che stanno iniziando a soffiare, siamo arrivati a un punto in cui abbiamo detto: ”ci sono più lati negativi che positivi”.

Il mercato locale è praticamente esploso con una crescita in quasi un anno e mezzo da quando le restrizioni sulla pandemia sono state completamente revocate. Per l’anno fiscale terminato a giugno, la Strip ha prodotto 8,1 miliardi di dollari mentre per l’intero anno solare le entrate del gaming del 2021 hanno stabilito un record di appena 7,1 miliardi di dollari.

GUADAGNERANNO COMUNQUE UN MUCCHIO DI SOLDI

Mansfield ha osservato che anche nel caso si verificasse il previsto calo delle entrate, gli operatori guadagneranno comunque un mucchio di soldi.

Mansfield ha affermato: “Non è qualcosa di incredibilmente dannoso per il mercato. La redditività è follemente alta in questo momento. Abbiamo appena avuto un trimestre in cui i margini erano superiori al 40 percento, il che è molto positivo per Las Vegas”.

Mentre il mercato è in controtendenza rispetto alle pressioni dell’inflazione, l’aeroporto internazionale Harry Reid (ex McCarren) ha stabilito un nuovo record nel mese di giugno con un totale di 4.683.156 passeggeri in entrata e in uscita dall’aeroporto, con un aumento del 22,9% rispetto al giugno precedente.

Le visite di affari e di eventi speciali alla convention potrebbero rafforzare i numeri di afflusso nel caso in vui i viaggi per gaming dovessero diminuire. Circa il 10% delle visite nell’ultimo anno riguarda convegni con circa 4 milioni di visitatori. Questo è in calo rispetto a circa il 17% prima della pandemia.

Inoltre, MSG Sphere dovrebbe aprire alla fine del 2023 con gare di Formula 1 che si disputeranno anche nel mese di ottobre. Il Super Bowl LVIII è in programma per febbraio 2024.

GLI OPERATORI STATUNITENSI SONO CONSAPEVOLI DI POTENZIALI VENTI CONTRARI

All’inizio di questo mese l’American Gaming Association (AGA) ha rilasciato i suoi numeri del gaming commerciale per l’intero paese direttamente sulla scia della National Indian Gaming Commission che ha rilasciato i suoi numeri FY2021.

Il CEO di AGA Bill Miller ha fatto presente che gli operatori sono consapevoli dei potenziali problemi legati al lavoro, dell’inflazione persistente e della possibilità di una recessione. “La nostra serie di 16 mesi di crescita da marzo 2021 mostra che siamo ben posizionati per il lungo termine e per eventuali venti contrari nel breve termine”, ha affermato Miller.

Per ulteriori informazioni sullo stato del settore, consultare il nostro articolo del 12 agosto: Il Gaming negli USA stabilisce il record di ricavi di tutti i tempi nel secondo trimestre: 16 mesi di crescita.

Fonte: Indy Gaming: l’analista prevede che Strip sia destinata a un calo delle entrate nel 2023, The Nevada Independent, 17 agosto 2022

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit