CURACAO APPROVA LA LEGISLAZIONE SULLA RIFORMA DELLA REGOLAMENTAZIONE DEL GIOCO D’AZZARDO

Dopo anni di avanti e indietro tra i governi di Curacao e dei Paesi Bassi, la nazione caraibica, un paese che fa parte del Regno dei Paesi Bassi, sembra essere sul punto di apportare dei cambiamenti radicali nel suo regime normativo del gioco d’azzardo online.

Il Consiglio dei ministri di Curaçao, che è uno stato indipendente dal 2010, ha approvato una legislazione per la creazione di un nuovo regolatore del gioco d’azzardo nella Curaçao Gaming Authority (CGA) e per porre fine all’attuale sistema di titolari di licenze Master che forniscono sub-licenze come merce con pochissima supervisione degli operatori e praticamente nessuna protezione dei giocatori.

Gli attuali titolari di licenza Master, Antillephone, Cyberluck Curaçao (Curacao eGaming), Curaçao Interactive Licensing e Gaming Curaçao hanno il controllo del rilascio di sub-licenze agli operatori dal 1996. Ciò cambierà in base alla nuova legislazione.

Anche se gli operatori hanno sempre dovuto soddisfare determinate soglie di presunta integrità, liquidità finanziaria, adesione alle politiche antiriciclaggio/lotta al finanziamento del terrorismo (AML/CFT) e prevenzione del gioco d’azzardo minorile, il nuovo regime dovrebbe migliorare alcuni aspetti di tali aree e potrebbe aggiungere ulteriori requisiti che gli operatori dovranno seguire.

IMPORTANTI CAMBIAMENTI NEL POTERE NORMATIVO

Secondo la normativa che è in vigore, il CGA avrà l’autorità di rilasciare licenze di operatore/casinò così come licenze di fornitore/gioco e di revocare una licenza, in ultima istanza, a qualsiasi autorizzato che non sia conforme alle nuove politiche.

Almeno tre membri del personale più importante di un operatore di casinò dovranno essere domiciliati nell’isola caraibica e, nonostante in apparenza non ci sia al momento alcuna sezione per affrontare le giurisdizioni utili, è probabile che quell’elemento importantissimo sarà una questione controversa tra il costituente e il governo dei Paesi Bassi.

I funzionari dell’Aia hanno cercato di esigere la responsabilità e il cambiamento dai sorveglianti di Willemstad per diversi anni, ma è stata necessaria l’emergenza sanitaria mondiale affinchè qualcosa si muovesse a Curacao per finalizzare un accordo. L’Olanda non può imporre nessun cambiamento per quanto riguarda le leggi alla nazione, ma è riuscita a persuadere la cooperazione condizionando gli aiuti economici legati al Covid a Curacao, sostenendo un rinnovamento delle leggi sul gioco d’azzardo online lì.

Le due entità hanno trovato un accordo in merito al quadro della riforma legislativa al fine di rilasciare la terza tranche di finanziamento per il sostegno legato al Covid e secondo tale accordo, Curacao è obbligata a riformare la sua legge sul gioco d’azzardo per garantire lo “Stato di diritto“.

L’accordo richiedeva perlomeno le seguenti modifiche legislative:

-Creare un organismo di regolamentazione indipendente per il rilascio di licenze di gaming online con il potere di eseguire misure di controllo, revocare le licenze e come ultimo passo perseguire coloro che violano la legge

-Creare misure per garantire che i titolari di licenza rispettino i requisiti legislativi in altri paesi

-Stabilire i meccanismi necessari per riscuotere i diritti di licenza e le tasse.

Il secondo punto si trova nell’accordo alla voce “almeno”, quindi sarà interessante vedere se la legislazione lo includerà nella sua forma codificata e quindi se sarà accettato dalle autorità olandesi come conforme all’accordo.

Questa disposizione in “Stato di diritto” sembrerebbe indicare che se un operatore accetta giocatori da una giurisdizione che non riconosce l’autorità di Curacao o la licenza, l’operatore potrebbe violare la legge di Curacao così come le leggi del paese di residenza del giocatore.

In base all’attuale sistema di licenze, nessuno sa con certezza quanti casinò e bookmaker siano operativi dal momento che la regolamentazione è gestita come una società senza requisiti di rendicontazione specifici. Le migliori stime dicono che ci siano almeno 500 sublicenze e ognuna di queste potrebbe avere un numero qualsiasi di “skin”. Un rapporto del media investigativo olandese Follow the Money nel 2021 ha stimato che ci fossero 12.000 operatori con sede a Curacao che offrivano i servizi a giocatori in giurisdizioni vietate, ma l’ex ministro olandese della protezione legale, Sander Dekker, l’anno scorso non si è detto fiducioso che quei numeri siano corretti.

GLI OPERATORI ESISTENTI SARANNO INSERITI NEL NUOVO SISTEMA

Qualunque sia il numero degli operatori effettivi, quelli già presenti saranno inseriti nel nuovo sistema nel momento in cui entrerà in funzione e riceveranno una licenza di transizione provvisoria di 12 mesi.

Il ministro delle finanze di Curaçao Javier Silvania ha detto a iGaming Business di non essere preoccupato nel caso in cui gli operatori lasceranno la giurisdizione in base alle nuove regole.

“Non ho alcun problema con le società che lasciano Curaçao perché al momento Curaçao non sta facendo molti soldi da loro”, ha affermato Silvania. “Sono i master licenziatari quelli che stanno generando più soldi; il governo non ne ottiene quasi niente. Se le società vogliono trasferirsi, va bene”.

Riguardo al requisito che almeno tre dipendenti chiave si trovino a Curaçao, Silvania ha commentato: “Ciò che è importante per il governo è che le società si stabiliscano a Curaçao, anche se ciò non genera molte tasse. Il punto è che quando le società porranno le basi a Curaçao, l’intera economia che trarrà vantaggio.

“Quello che non voglio è che le società si stabiliscano a Curaçao sulla carta, ma aggiungano zero virgola zero ai nostri fondi”, ha concluso.

Fonte: ministro di Curaçao: il rischio di uscite dal mercato non ci impedirà di elevare gli standard, iGaming Business, 11 luglio 2022

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit