IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI OKADA MANILA FA CAUSA A KAZUO OKADA

major_dust_up_kazuo_okada_power_play_at_okada_manila_In quella che ad alcuni è sembrata essere un’azione armata che ricorda più uno scontro gaming tribale americano invece che un trasferimento di potere legalmente supervisionato, più di 50 membri del personale di sicurezza, polizia locale e federale, funzionari della città e alti dirigenti aziendali ha preso il controllo del resort con casinò Okada Manila da 3,3 miliardi di dollari il 31 maggio, sotto l’occhio vigile del regolatore di gioco filippino PAGCOR.

Il consiglio di amministrazione deposto ha intentato causa con un membro, il direttore della Tiger Resort Leisure and Entertainment Inc. (TRLEI), Hajime Tokuda, presentando denunce per detenzione illegale e rapimento.

Secondo i media locali, Inquirer.net, il direttore è stato rimosso fisicamente dalla sedia e “costretto… giù per l’atrio e in un veicolo sconosciuto e alla fine è stato portato a casa sua”. Questo, secondo le parole degli assistenti del consiglio estromesso. La “acquisizione ostile” è stata descritta in modo simile nel rapporto dai membri del TRLEI o dai loro avvocati come un “rapimento avvenuto proprio davanti ai nostri occhi”.

Le persone nominate nelle denunce sono state il magnate giapponese Pachinko e l’imprenditore internazionale di casinò Kazuo Okada, il collega politico di lunga data Antonio “Tonyboy” Cojuangco e l’ex CEA TRLEI Dindo Espeleta.

Il direttore e co-vicepresidente di TRLEI James Lorenzana e il co-vicepresidente Michiaki Satate hanno inoltre presentato denunce di “grave coercizione” e “ingiuste vessazioni” sostenendo di essere stati “maltrattati” durante l’acquisizione il 31 maggio.

Il “cambio della guardia” fa seguito a un “ordine sullo status quo ante” emesso nel mese di aprile dalla Corte Suprema delle Filippine. L’ordine ha reintegrato Okada come CEO del casinò dopo la sua estromissione dal consiglio di amministrazione della Universal nel 2017, quando i direttori lo hanno accusato di appropriazione indebita di 20 milioni di dollari, un’accusa che da lui è stata negata. L’ordinanza della Corte Suprema è arrivata sulla scia di una sentenza della Corte d’Appello di gennaio che ha respinto le accuse di appropriazione indebita contro Okada e uno dei suoi associati.

La decisione della Corte Suprema è stata impugnata da Tiger Resorts e, secondo il suo consulente legale, la decisione della Corte di aprile non includeva alcuna autorizzazione a formare un nuovo consiglio o a prendere il controllo fisico della proprietà.

Il deposto Michiaki Satate ha dichiarato in una conferenza stampa che la società madre del casinò non onorerà alcun accordo che verrà definito dal nuovo consiglio e che “In questo momento, è un consiglio illegittimo e un insieme di funzionari che gestiscono l’attività”.

L’attuale consiglio di amministrazione nega che si sia verificato alcun tipo di violenza.

ILREGOLATORE ASSUME UNA POSIZIONE NEUTRALE

I rappresentanti della PAGCOR erano presenti nel momento dell’acquisizione, ma da allora hanno affermato di essere presenti semplicemente per assicurarsi che le attività proseguissero senza intoppi.

Il presidente di Pagcor Alfredo Lim ha affermato: “La nostra unica preoccupazione in questa disputa aziendale tra azionisti contendenti è che l’attività non subisca ostruzioni”.

Questa è stata una svolta di 180 gradi rispetto a una dichiarazione rilasciata precedentemente da Lim quando ha annunciato i piani per indagare sull’acquisizione: “Sono rimasto scioccato nel leggere che ci sono state violenze e intimidazioni”.

La posizione attuale di PAGCOR è quella di fornire stabilità al mercato e mantenere una posizione neutrale mentre la questione è ancora sotto l’esame dei tribunali.

Il consiglio di Tiger ha insistito sin dalla precedente sentenza che l’ordine utilizzato da Okada per riaffermare l’autorità sulla sua ex società è semplicemente un ordine temporaneo e che dal momento che sia TRLEI che la sua società madre, anch’essa originariamente creata da Okada, sono costituite in altri paesi, la legge delle Filippine non può determinare la proprietà o il controllo delle entità giapponesi o di Hong Kong.

All’inizio di maggio, Tiger Resort ha affermato in una dichiarazione: “Riteniamo che TRLEI abbia una solida base giuridica per la revoca dell’ordine dello status quo. La nostra società madre, Tiger Resort Asia Ltd, una società di Hong Kong, è una consociata interamente controllata di Universal Entertainment Corp, una società giapponese.

“La rimozione di Kazuo Okada dalla carica di presidente, amministratore delegato, direttore e azionista nominale di TRLEI nel 2017 è stata valida e legale. È stato fatto su istruzione della nostra casa madre”.

NON E’ ESTRANEO ALLE LOTTE AD ALTO RISCHIO

Okada non è estraneo alle lotte ad alto rischio. Nel 2012 Wynn Resorts ha forzato il rimborso delle azioni dell’unità Universal Aruze USA con uno sconto del 30% dopo aver accusato Okada di frode. Dopo che Steve Wynn è stato costretto a lasciare il consiglio per l’accusa di cattiva condotta sociale, la società ha risolto una causa vecchia di anni con Okada per 2,6 miliardi di dollari nel 2018.

Tuttavia, all’inizio di quest’anno la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Settimo Circuito ha dovuto trovare l’imputato quando lo studio legale di Okada che gli ha datto vincere quella sentenza è stato costretto a denunciarlo per essere pagato. La corte d’appello ha confermato un lodo arbitrale di 54,6 milioni di dollari al suo ex studio legale. L’accordo includeva una sanzione di 963.000 di dollari per costi e commissioni.

Okada Manila è al momento valutata più di 3 miliardi di dollari e si trova su 108 acri accanto alla baia di Manila. Il casinò contiene circa 3.000 macchine da gioco elettroniche e 500 tavoli da gioco. È il più grande casinò resort del paese.

Fonte: Il consiglio di amministrazione del casinò filippino fa causa al magnate giapponese Okada dopo il sequestro di resort, Reuters, 6 giugno 2022

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit