L’Ultima Sala Da Gioco Di San Diego Chiude Definitivamente

Il panorama delle sale da gioco, un tempo fiorente, di San Diego non esiste più dato che l’ultima struttura che era operativa – Lucky Lady – poco tempo fa ha chiuso definitivamente le porte.

I notiziari locali riferiscono che il proprietario del club, l’uomo d’affari Stanley Penn, il mese scorso ha venduto silenziosamente la proprietà al Family Health Centers di San Diego. Mr. Penn aveva gestito l’attività su El Cajon Boulevard per la maggior parte degli ultimi quattro decenni prima che fosse chiusa senza accogliere mai più i giocatori amanti delle carte.

La pandemia di coronavirus che ha costretto la sala da gioco e altre attività non essenziali a rimanere chiuse per quasi un anno sembra aver portato alla chiusura definitiva dell’attività.

Lucky Lady è stato l’ultimo club di giochi di carte autorizzato e legalmente operativo a San Diego. La città un tempo ospitava più di cento sedi di questo tipo, ma una legge del 1983 approvata dal Consiglio Comunale vietava la vendita, l’affitto o il trasferimento delle licenze delle sale da gioco, segnando in pratica l’inizio della fine di un’era.

In altre parole, la misura voleva dire che quando i titolari di licenze per sale da gioco andavano in pensione o decedevano o le cedevano, la loro attività doveva chiudere. I funzionari della città dissero all’epoca che la legge aveva come obiettivo quello di eliminare gli effetti dannosi che tali strutture hanno sulla sicurezza, sul benessere e sulla morale della città”.

Una legge statale del 1996 ha introdotto una moratoria sulle nuove licenze delle sale da gioco per limitare le dimensioni del settore. Ora ci sono 86 licenze attive in tutto lo stato e San Diego è l’unica città che ne vieta la vendita o il trasferimento a un altro titolare.

Problemi Legali

Prima della sua chiusura il mese scorso, Lucky Lady era l’unica sala da gioco operativa di San Diego negli ultimi sei anni. Il suo ultimo concorrente, il Palomar Casino, è stato chiuso nel 2015 dopo che le autorità federali hanno accusato più di due dozzine di persone di essere coinvolte in un giro di scommesse sportive illegali internazionali usando la struttura.

Un anno dopo, nel 2016, il proprietario di 83 anni di Lucky Lady, Mr. Penn, si è ritrovato coinvolto in problemi legali. Era una delle 14 persone accusate in un’indagine federale su un bookmaker illegale che era stato gestito all’interno della sala da gioco per diversi anni.

Il capo del bookmaker, Sanders Bruce Segal, è stato condannato a 37 mesi di carcere, mentre le altre persone coinvolte nell’attività illegale, compreso il signor Penn, hanno ricevuto la libertà vigilata o custodie cautelari.

In base ai termini dell’accordo condizionale, il proprietario di Lucky Lady doveva assicurarsi di non infrangere nessuna legge per un anno. Se avesse violato i termini dell’accordo, avrebbe potuto essere condannato fino a cinque anni di carcere.

Tutte le accuse contro il signor Penn sono state ritirate nell’aprile 2020.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit