Le Hawaii hanno cinque anni per legalizzare il gioco d’azzardo

I legislatori hawaiani stanno attendendo da parecchio tempo di poter incassare le entrate che sarebbero generate dal gioco d’azzardo legale e di investirle nelle infrastrutture dello Stato. Sembra che dovranno aspettare ancora un po’.

La scorsa settimana la commissione del Senato per gli affari hawaiani ha apportato un emendamento al disegno di legge SB 1321, con il quale è stato dato il permesso al Department of Hawaiian Home Lands (DHHL) di istituire un settore del gaming legale.

L’emendamento è stato accolto con favore dal presidente della Hawaiian Homes Commission William J Aila Jr. Ha detto: “Se avrà successo, questa misura fornirebbe al DHHL una notevole fonte di finanziamento per lo sviluppo dei terreni delle fattorie. Questo è il nostro intento e, per raggiungerlo, il Dipartimento ha bisogno di una fonte costante di finanziamento per la costruzione di infrastrutture”.

Secondo i termini del disegno di legge modificato, il DHHL avrebbe bisogno di una “stragrande maggioranza” per ratificare l’introduzione dei casinò in tutta l’isola, anche se non sulla terra dei nativi.

Il disegno di legge porterebbe abbastanza profitto per la costruzione di nuove case. Ha dichiarato: “Il legislatore rileva inoltre che oltre 28.000 nativi hawaiani stanno aspettando i contratti di locazione mentre il dipartimento delle terre natali hawaiane lotta per lo sviluppo di terreni e lotti”.

Le Hawaii hanno bisogno di finaziamenti

Lo Stato si trova in una crisi finanziaria a causa della pandemia di coronavirus. Servono oltre 6 miliardi di dollari per soddisfare le esigenze delle persone in lista d’attesa e altri 10.000 dollari per altri costi.

Secondo il disegno di legge, a fronte della pandemia e di tutte le perdite finanziarie subite dallo Stato, sarebbero necessari almeno altri cento anni per soddisfare le esigenze dei suoi beneficiari agli attuali livelli di finanziamento.

Ha aggiunto: “Il legislatore rileva inoltre che, davanti a un deficit storico e senza precedenti a causa della pandemia di coronavirus in corso (COVID-19), il dipartimento delle terre di origine hawaiane deve cercare mezzi di reddito alternativi”.

Una delle alternative per compensare le perdite è la costruzione di resort integrati, che includerebbero giochi da casinò limitati nelle terre di origine hawaiane designate per uso commerciale sull’isola di Oahu.

Il desiderio hawaiano per il gioco d’azzardo online legale può essere paragonato solo a quello del Texas. Lo stato stava preparando il terreno per le attività di gioco d’azzardo fino a quando il tenente governatore Dan Patrick ha rilasciato una dichiarazione che ha infranto tutte le speranze.

Ha annunciato di essere contrario a una simile iniziativa, così come lo sono i senatori repubblicani. Una tale dichiarazione rende praticamente impossibile l’approvazione di un disegno di legge per legalizzare il gioco d’azzardo poiché il Senato del Texas è composto da una maggioranza di repubblicani pari a 18-13. Affinché la legislazione passi, sono necessari 21 voti a favore. Secondo il signor Patrick, non c’è nemmeno una minima chance che ciò accada.

Sembra che il Texas continuerà ad avere una delle leggi sul gioco d’azzardo più severe negli Stati Uniti.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit