UKGC Chiede Opinioni Su Regole Piu’ Severe Per Gli Operatori Per Contrastare I Danni Legati Al Gioco D’azzardo

Nuovi e più severi requisiti attendono gli operatori di gioco d’azzardo rivolti al Regno Unito dato che la Commissione per il gioco d’azzardo ha avviato una consultazione per valutare opinioni su regole più severe per i suoi licenziatari per individuare e affrontare i danni e i problemi legati al gioco d’azzardo.

La consultazione è stata avviata martedì mattina e invita il settore del gioco d’azzardo online, i giocatori d’azzardo e altre parti interessate a rilasciare opinioni e pareri sull’opportunità e su quali requisiti più severi dovrebbero essere introdotti per gli operatori con licenza nel Regno Unito per identificare i clienti che potrebbero essere a rischio di danni da gioco, per interagire e agire per prevenire tali potenziali danni.

La Commissione per il gioco d’azzardo ha spiegato che si aspetta di ricevere feedback da una serie di parti coinvolte su diverse proposte che mirano a rafforzare l’aspettativa sui suoi licenziatari di agire in base alle informazioni che hanno sulla vulnerabilità di un cliente e di condurre valutazioni adeguate sul fatto che un cliente possa permettersi di finanziare la propria abitudine al gioco d’azzardo nei limiti fissati dal regolatore del gioco d’azzardo del Regno Unito.

La Commissione ha inoltre fatto presente che sta cercando prove su quali limiti dovrebbero essere implementati per queste verifiche di disponibilità economica e su come questi controlli dovrebbero essere eseguiti esattamente.

Come accennato in precedenza, la consultazione è stata avviata martedì 3 novembre e le parti interessate avranno tempo fino al 12 gennaio 2021 per inviare i loro pareri e le loro opinioni.

Il Settore Non E’ Riuscito A Utilizzare Le Capacita’ Per Ridurre I Danni Causati Dal Gioco D’azzardo

La Commissione per il gioco d’azzardo ha osservato che gli operatori di gioco d’azzardo online con licenza nel Regno Unito hanno già le capacità di identificare i clienti che potrebbero essere a rischio di subire conseguenze dalla loro abitudine di gioco e che le prove del regolatore mostrano che “il settore non ha utilizzato queste capacità a sufficienza per ridurre i danni.”

Tim Miller, direttore esecutivo della Commissione per il gioco d’azzardo, ha sottolineato che mentre alcune società con licenza locale “hanno continuato a migliorare i loro processi di interazione con i clienti, le nostre prove dimostrano che molti operatori online non stanno fissando limiti di intervento a livelli appropriati” e non stanno intraprendendo azioni adeguate o agendo abbastanza rapidamente da identificare e interagire con i clienti a elevato rischio di danno da gioco.

Miller ha aggiunto che adesso è chiaro che la Gambling Commission deve “stabilire requisiti rigorosi per fissare standard coerenti” e che il regolatore vuole avere un confronto aperto con i suoi licenziatari, i loro clienti e le persone con esperienza vissuta per garantire che venga raggiunto il giusto equilibrio tra “il consentire la libertà dei consumatori e garantire che siano in atto tutele per prevenire danni causati dal gioco d’azzardo”.

Le notizie sulla nuova consultazione della commissione sono emerse poco dopo che ha richiamato tre operatori di gioco d’azzardo per gravi difetti nelle loro pratiche di responsabilità sociale e antiriciclaggio.

BGO Entertainment, GAN plc e NetBet Enterprises Limited sono le tre società che sono state criticate dal regolatore. È stato riscontrato che tutti e tre gli operatori non sono riusciti a interagire correttamente con i clienti che avevano mostrato segnali di problemi con il gioco d’azzardo e ad esaminare attentamente la provenienza dei fondi che i clienti avevano utilizzato per giocare d’azzardo sui loro siti web rivolti al Regno Unito.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit