Wirecard ha Elaborato Denaro per Almeno Due Ditte di Gioco d’Azzardo Collegate con la Mafia

La società di pagamenti tedesca caduta in disgrazia, Wirecard, ha elaborato pagamenti per una società di gioco d’azzardo online maltese che si è scoperto in seguito aver riciclato denaro per la ‘Ndrangheta, una delle più potenti organizzazioni mafiose dell’Italia e dell’Europa.

Il Financial Times riporta che il gestore dei pagamenti ha elaborato transazioni per CenturionBet durante tutto il 2017. In quell’anno, l’operatore di gioco d’azzardo online con sede a Malta era stato accusato di mantenere relazioni commerciali con una società controllata da membri della ‘Ndrangheta.

Si è ritenuto che CenturionBet sia stata usata da criminali organizzati per riciclare milioni di euro da attività criminali fuori dal paese con un’operazione sofisticata.

L’operatore di gioco d’azzardo online è stato collegato al clan Arena, un potente gruppo della regione italiana Calabria, che fa parte della ‘Ndrangheta. Secondo gli atti legali, le attività del gruppo includevano estorsione, gioco d’azzardo illegale e traffico di droga.

In più, il clan Arena era incaricato del centro sociale di recupero e integrazione di rifugiati Sant’Anna, noto per essere uno dei più grandi centri per migranti dell’Europa. Si è ritenuto che il potente gruppo mafioso abbia dirottato milioni di euro destinati a fornire il necessario supporto alimentare per i migranti che arrivavano dall’Africa del nord.

CenturionBet ha visto sospesa la sua licenza dall’Autorità di Gioco d’Azzardo di Malta nel 2017, quando le attività della società sono state chiuse dopo un’importante operazione antimafia in Italia, che ha visto l’arresto di più di 60 persone e circa €20 milioni sequestrati.

La Caduta di Wirecard

Wirecard passava per una stella della tecnofinanza e amata dagli analisti, finché a giugno non ha ammesso che una parte delle sue attività era probabilmente fittizia.

Il 18 giugno, la società era valutata oltre $14 miliardi. Una settimana dopo, ha presentato istanza d’insolvenza, dopo aver rivelato che circa $2 miliardi di denaro mancante, che aveva detto ai suoi revisori che si trovavano in un paio di banche filippine, probabilmente non erano mai esistiti.

Wirecard è ora indagata in merito al fatto se abbia usato entrate fittizie per gonfiare le sue vendite e ingannare i suoi investitori. Il CEO della società è stato arrestato in Germania per frode, mentre il suo COO è fuggito dal paese.

In qualità di società regolamentata di elaborazione di pagamenti, a Wirecard è stato richiesto di seguire rigidamente regole e norme di antiriciclaggio e di riferire sempre le transazioni sospette all’ente regolatore competente. Secondo gli atti legali ottenuti dal Financial Times, Wirecard ha inoltre movimentato fondi per un altro operatore di gioco d’azzardo online con licenza di Malta, che le autorità italiane hanno segnalato per aver riciclato enormi quantità di denaro per gruppi criminali organizzati.

È da notare che Wirecard potrebbe non essere stato a conoscenza che le società di gioco d’azzardo che serviva erano collegate con la mafia italiana. Un ex membro del personale di Wirecard ha detto al Financial Times che, dopo le notizie, emerse in differenti organi di informazione, sui collegamenti con la mafia a quest’ultima società di gioco d’azzardo, la società di elaborazione di pagamenti ha condotto una revisione della conformità, che l’operatore di gioco d’azzardo ha superato sulla base delle assicurazioni fornite.”.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit