La Cina inizia a controllare più severamente i processori di pagamento che elaborano le translazioni legate al gioco d’azzardo

La Banca Popolare Cinese è stata incaricata della “grande missione politica” di reprimere i processori di pagamento al servizio degli operatori di gioco d’azzardo online, secondo un avviso rilasciato dalla banca alla fine della settimana scorsa.

I giornali locali hanno riferito che il vice governatore della banca Fang Yifei alla fine della scorsa settimana ha tenuto una riunione a Pechino, durante la quale ha presentato piani e strategie per “rafforzare la governance delle normative della catena finanziaria di gioco d’azzardo transnazionale.”

Il recente annuncio della banca rappresenta il più recente tentativo del Governo centrale della Cina di combattere il gioco d’azzardo online illegale.

Alla riunione della scorsa settimana hanno partecipato rappresentanti del Ministero della pubblica sicurezza cinese, dell’Amministrazione generale delle dogane, della Commissione di regolamentazione delle banche e assicurazioni, dell’Ufficio cambi, dell’Associazione per i pagamenti e compensazione della Cina, China Union Pay e NetsUnion Clearing Corp., tra gli altri.

Durante l’incontro il vice governatore Fang ha affermato che uno degli obiettivi primari della banca sarebbe quello di interrompere il flusso transfrontaliero del capitale relativo al gioco d’azzardo.

Il funzionario ha invitato tutte le istituzioni finanziarie che forniscono i loro servizi in Cina a “migliorare le loro posizioni politiche, aumentare il loro senso di responsabilità e urgenza nella prevenzione e controllo, attuare pratiche di ‘two maintenance’, stabilire risolutamente e attuare seriamente il concetto generale di sicurezza nazionale e prendere la rottura delle catene di capitali di gioco d’azzardo transnazionali come una lotta decisa.”

Rafforzamento delle capacità

Il vice governatore della Banca Cinese ha inoltre presentato dettagliatamente diverse politiche che le istituzioni finanziarie dovrebbero attuare al fine di affrontare in modo più efficace il problema di denaro nel gioco illegale.

La banca ha chiesto al settore finanziario cinese di accrescere le proprie capacità per segnalare più velocemente transazioni grandi e sospette, di controllare e analizzare il sospetto riciclaggio di denaro, di concentrare la propria attenzione sulla verifica dell’identità del conto, come anche di implementare altri strumenti di prevenzione e controllo dei rischi .

Secondo il recente annuncio della banca, i processori di pagamento che non rispettano tali requisiti sarebbero seriamente considerati responsabili.

Gli analisti hanno osservato che è difficile determinare la “portata esatta della questione” e se il rinnovato interesse della Cina per le transazioni relative al gioco d’azzardo transnazionale è rivolto in particolare a Macao.

Gli analisti di JP Morgan DS Kim, Derek Choi e Jeremy An hanno dichiarato in una nota che la repressione potrebbe anche riguardare le attività di casinò online dalle Filippine e dalla Cambogia.

Il governo cinese ha anche cercato di reprimere la promozione del gioco d’azzardo illegale e di altri contenuti non autorizzati da parte degli influencer dei social media nazionali. Mell’ambito di questo tentativo, il Ministero della pubblica sicurezza cinese ha annunciato un’iniziativa coordinata in collaborazione con altri ministeri per un periodo di sei mesi di “rettifica e standardizzazione” dell’industri dei webcast dello stato.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit