UKGC Colpisce Casinò Gigante Caesars con una Multa Record

Il più recente grande caso di penalizzazione nel settore dei giochi d’azzardo è il gigante di casinò Caesars Entertainment Corporation, che è stato multato dalla Commissione di Gioco d’Azzardo del Regno Unito (UKGC) a causa delle attività sovversive.

L’ente regolatore ha inflitto una multa record di 13 milioni di sterline all’operatore per “mancanze nei controlli di responsabilità sociali, per riciclaggio del denaro e per mancata interazione con i clienti”, tra cui anche quelli VIP.

Caesars gestisce 11 sedi di casinò terrestri nel Regno Unito. Di recente è stato scoperto dalla Commissione di Gioco d’Azzardo che la società americana ha violato delle norme sul gioco d’azzardo del Regno Unito. Dall’inizio dell’anno, l’ente regolatore ha già inflitto 27 milioni di sterline di multe e sospeso le licenze di tre aziende.

Violazioni di Caesars

Un’indagine della Commissione di Gioco d’Azzardo britannica ha scoperto una serie di gravi violazioni nel modo in cui la società ha gestito i clienti VIP nel periodo tra gennaio 2016 e dicembre 2018.

In una dichiarazione sul sito Web ufficiale dell’UKGC si afferma che Caesars è responsabile per Violazione delle condizioni di licenza 1.1 (prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo) e per il mancato rispetto della disposizione del codice di responsabilità sociale 3.4.1 (iterazione con i clienti).

Tutti gli operatori di gioco d’azzardo con licenza britannica hanno l’obbligo di fornire servizi ai clienti locali in modo socialmente responsabile e di assicurarsi di interagire con qualsiasi cliente che mostri anche i più lievi sintomi del comportamento di gioco problematico.

I licenziatari della Commissione di Gioco d’Azzardo britannica sono inoltre tenuti ad effettuare adeguati controlli sui fonti finanziari dei propri clienti per prevenire il riciclaggio di denaro e altri reati finanziari.

Una delle più gravi violazioni di Caesars riguardante la responsabilità sociale include “un’interazione inadeguata” con un cliente che si era autoescluso in precedenza e che aveva perso £ 240.000 nel periodo di 13 mesi in una struttura di Caesars.

Un altro cliente con cui la società non ha interagito adeguatamente ha perso £ 323.000 nel periodo di 12 mesi e ha mostrato segni del comportamento del gioco problematico, tra cui 30 sessioni di gioco che hanno superato durata di cinque ore.

Come detto prima, il casinò gigante con sede a Las Vegas è stato inoltre rimproverato dalla Commissione per basso rispetto delle norme di antiriciclaggio. L’esempio di un mancato controllo da perte della società sui fonti finanziari è un cliente che è stato autorizzato a scommettere circa 3,5 milioni di sterline e perdere 1,6 milioni nel periodo di tre mesi.

Un altro caso riguarda la mancanza di prove adeguate sulla fonte di fondi di una persona politicamente esposta che ha perso poco meno di £ 800.000 nel periodo di 13 mesi.

Multa di Caesars

All’operatore di casinò è stata inflittauna multa di £13 milioni, la più alta penalità emessa dalla Commissione di Gioco d’Azzardo finora. Quel denaro sarà indirizzato all’implementazione della strategia nazionale del Regno Unito per ridurre danni del gioco d’azzardo.

L’ UKGC ha anche affermato che è stato ordinato a tre dirigenti superiori di Caesars di rinunciare alle loro personali licenze di gestione ottenute dall’ente regolatore, a seguito delle indagini svolte sulle attività di casinò terrestri di Caesars nel Regno Unito. La Commissione ha detto che sono in corso le indagini sui tre titolari di licenza personale.

Commendando l’ultima multa emessa dall’ente regolatore britannico, CEO dell’UKGC, ha detto che le violazioni di Caesars sono state “estremamente gravi” e che la Commissione è “assolutamente chiara sulle proprie aspettative sugli operatori – di qualsiasi tipo del gioco si tratti, loro devono conoscere i propri clienti”.

McArthur ha proseguito dicendo che i titolari di licenza del Regno Unito devono interagire con i loro clienti e “controllare quanto un giocatore può permettersi di spendere nei giochi – intervenendo quando vedono segni di problemi”.

Il direttore generale dell’ente regolatore ha aggiunto che la Commissione sta ponendo particolare attenzione sull’indirizzare le cattive pratiche di gestione dei clienti VIP e che il loro duro approccio all’aderenza alle norme e all’applicazione dei regolamenti continuerà, “sia per i casinò terrestri che quelli online”.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit