Operatori di Gioco d’Azzardo Rivolti al Belgio Propongono Limitazioni Volontarie della Pubblicità

Cinque importanti operatori di gioco d’azzardo con licenza in Belgio hanno accettato di rinunciare volontariamente a gran parte delle loro pubblicità fintanto che il governo belga ordini alla Lotteria Nazionale di fare lo stesso, ha riportato questo fine settimana l’organo d’informazione locale De Tijd.

Si è capito che i cinque operatori di gioco d’azzardo, tutti membri dell’Associazione Belga di Operatori di Gioco d’Azzardo (BAGO), si sono rivolti al Ministro della Giustizia belga, Koen Geens, con una proposta per fermare tutte le pubblicità su radio, televisione e media stampati, nonché tutte le pubblicità esterne dal 1 gennaio 2020.

La proposta dei cinque operatori arriva giusto pochi mesi dopo che il Belgio ha introdotto una serie di nuove norme per limitare significativamente le opzioni pubblicitarie degli operatori di casinò online e scommesse sportive con licenza locale.

I cinque membri di BAGO che reclamano ulteriori limitazioni nel settore di pubblicità di gioco d’azzardo sono Golden Palace Casino, Ardent Group, Napoleon Games, Betfirst e il marchio Unibet di Kindred Group. Secondo il sito web ufficiale di BAGO, i cinque operatori rappresentano circa il 70% del settore di gioco d’azzardo privato del Belgio, che ogni anno genera oltre €1 miliardo in entrate.

Proposta di BAGO

I cinque operatori dicono di voler ulteriormente ridurre le loro pubblicità in Belgio in segno di buona volontà e nella speranza di attenuare alcune critiche a cui sono stati soggetti per diversi anni ad oggi. Cosa più importante, le società di gioco d’azzardo si sono trovate in acque turbolente per le loro eccessive campagne pubblicitarie durante la Coppa del Mondo FIFA dello scorso anno.

I cinque membri di BAGO hanno detto ai ministri che sono pronti a fermare le pubblicità dei loro prodotti su televisione, radio, media stampati e sulle fiancate degli autobus e sui cartelloni pubblicitari esterni dal 1 gennaio 2020.

Commentando la loro proposta, il CEO di Ardent Group, Emmanuel Mewissen, ha detto che sono “consapevoli della presenza eccessiva di pubblicità di gioco d’azzardo negli ultimi anni” e che con la loro recente iniziativa vogliono “riportare serenità.”

Tuttavia, la proposta di BAGO si presenta con un’importante condizione. I cinque membri dell’associazione vogliono che alla Lotteria Nazionale sia ordinato di seguire le stesse norme e politiche pubblicitarie come loro.

La Lotteria Nazionale è attualmente esente dalle norme che si applicano al settore privato. I cinque membri di BAGO ritengono che alla Lotteria dovrebbe essere ordinato di unirsi alla loro iniziativa di limitare le loro pubblicità in quanto, secondo loro, c’è una piccola differenza tra i loro prodotti e quelli offerti dalla Lotteria e che questo è “ovviamente anche un gioco di probabilità.”

Pubblicità di Gioco d’Azzardo Online Non Inclusa nell’Iniziativa di BAGO

La proposta di BAGO esclude in gran parte internet dalla lista di canali pubblicitari che i suoi membri sono pronti a smettere di usare per promuovere i loro prodotti e servizi.

Il sig. Mewissen ha commentato che “fermare la pubblicità online è impossibile, perché altrimenti saremo sbaragliati dal settore illegale.” Il dirigente di casinò ha continuato dicendo che la riorganizzazione del mercato di gioco d’azzardo belga nel 2010 mirava a reprimere il settore illegale fornendo agli operatori con licenza locale sufficiente libertà per fornire e promuovere i loro prodotti.

In più, i membri di BAGO non chiuderanno i loro accordi di sponsorizzazione con le squadre di calcio. Tutti e cinque gli operatori sponsorizzano attualmente nove delle principali squadre di calcio del paese.

Consultazione sulle Nuove Norme

Come prima menzionato, il Belgio ha lanciato una serie di nuove regole più restrittive sulla pubblicità di gioco d’azzardo il 1 giugno. Le nuove regole vietano alle società di gioco d’azzardo di pubblicizzare prodotti di casinò online in televisione.

Le pubblicità di scommesse sportive non sono più permesse durante trasmissioni di sport dal vivo. Tuttavia, tali pubblicità possono essere trasmesse prima e dopo gli eventi. I prodotti di scommesse sportive sono anche vietati dall’essere promossi quindci minuti prima o dopo i programmi mirati ai bambini e ai giovani.

Agli operatori di gioco d’azzardo non è permesso pubblicizzare offerte di bonus dovunque, tranne che sui loro siti web ufficiali, secondo le norme recentemente introdotte.

La Commissione di Gioco d’Azzardo Belga ha avviato il mese scorso una consultazione sulle limitazioni pubblicitarie, chiedendo agli operatori un loro parere su quali difficoltà affrontano nel loro impegno di conformarsi alle norme. Gli stessi possono presentare i loro commenti e suggerimenti all’ente regolatore di gioco d’azzardo entro venerdì 4 ottobre.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit