L’Autorità per il Gioco d’Azzardo della Danimarca Ammonisce gli Operatori Sui Testi delle Offerte Bonus

L’ente regolatore del gioco d’azzardo della Danimarca sollecita gli operatori a conformarsi alle norme sulla pubblicità ed evitare l’abuso del termine ‘gratis’ nelle offerte bonus

L’Autorità per il Gioco d’Azzardo danese, Spillemyndigheden, ha ammonito lunedì le società con licenza di gioco d’azzardo locale sull’uso della parola ‘gratis’ quando vengono pubblicizzate le offerte bonus. L’ente regolatore ha ritenuto inoltre che l’uso della parola viola l’ Atto delle Attività di Pubblicità danese, quando un’offerta bonus implica un’esigenza del giro d’affari.

Secondo l’Ordine Esecutivo sui Casinò Online, sezione 20(1)(1), e l’Ordine Esecutivo sulle Scommesse, sezione 19(1)(1), della Danimarca, gli operatori di gioco d’azzardo autorizzati, che offrono bonus ai loro clienti, sono obbligati ad esporre chiaramente i termini e le condizioni dell’offerta direttamente insieme ad essa.

In un comunicato rilasciato sul suo sito web ufficiale lunedì, Spillemyndigheden fa riferimento anche ad una dichiarazione fatta Difensore Civico Danese del Consumatore a febbraio 2016, secondo la quale si abusa dell’uso della parola ‘gratis’ quando un’offerta bonus implica un’esigenza del giro d’affari o “pregiudica la possibilità di una vincita.”

In alter parole, se un operatore di gioco d’azzardo promuove un’offerta bonus che promette agli scommettitori 100 giri gratis ma richiede un deposito minimo di $25, ciò è considerata un’offerta ingannevole secondo le norme danesi sulla pubblicità di gioco d’azzardo.

L’Autorità per il Gioco d’Azzardo della Danimarca ha continuato spiegando che lo stesso avviene con i termini tipo ‘gratuitamente’, ‘giri gratis’, e ‘scommesse gratis’. L’ente regolatore ha detto lunedì che l’uso di tali termini implica che e inganna i clienti che l’offerta sia davvero gratis e che non implica alcuna limitazione, quando la realtà potrebbe essere differente.

Tutti questi termini possono essere usati quando l’offerta pubblicizzata non include un’esigenza di giro d’affari e non diminuisce la possibilità di vincere dello scommettitore, ha detto Spillemyndigheden lunedì.

Un Nuovo Codice di Condotta

Le considerazioni dell’Autorità del Gioco d’Azzardo della Danimarca sono arrivate durante i preparativi per l’attuazione di un nuovo Codice di Condotta nello spazio di gioco d’azzardo regolamentato danese. Da notizie emerse all’inizio di quest’anno, le società con licenza locale, sia quelle online che fisiche, hanno accettato di adottare un codice volontario che limiterebbe le loro attività pubblicitarie e richiederebbe loro di adottare politiche migliori per la protezione degli scommettitori.

Il nuovo Codice di Condotta entrerà in vigore il 1 luglio 2019. Lo stesso è volto a proteggere i bambini e le persone vulnerabili dai rischi associati all’esposizione al gioco d’azzardo e al coinvolgimento in attività di gioco d’azzardo.

Il Codice riguarda un divieto sulle celebrità che si presentano come ambasciatori di un marchio o prodotto di gioco d’azzardo. In più, agli operatori verrà richiesto di astenersi dal pubblicizzare le loro offerte, cosa che può aiutare le persone a risolvere i loro problemi finanziari.

Le società autorizzate cercheranno anche di ridurre il volume delle pubblicità di gioco d’azzardo in televisione e adotteranno strumenti e politiche che comporteranno restrizioni alle campagne pubblicitarie online e sui social media.

La Danimarca potrebbe anche seguire l’esempio del Regno Unito e applicare un divieto sulle pubblicità di gioco d’azzardo durante la trasmissione di eventi sportivi in diretta. L’anno scorso, gli operatori con licenza del Regno Unito hanno accettato un divieto volontario delle pubblicità “dal fischio d’inizio al fischio finale” durante lo sport in diretta, nel tentativo di far fronte alle preoccupazioni dell’impatto delle campagne pubblicitarie sui bambini e sulle persone vulnerabili.

All’inizio di quest’anno, il CEO di Danske Spil, la società che detiene il monopolio sul gioco d’azzardo dopo la liberalizzazione del mercato danese nel 2012, ha suggerito che il paese scandinavo adotti un simile divieto dal fischio d’inizio al fischio finale su tutte le pubblicità durante le trasmissioni.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit