Un Funzionario di Bucarest Richiede un Divieto per le Sale di Gioco d’Azzardo

Un funzionario di Bucarest ha proposto la ricollocazione di tutte le sale di gioco d’azzardo in un luogo al di fuori della capitale rumena

Bucarest potrebbe ricollocare le sue sale di gioco d’azzardo in un “quartiere di gioco d’azzardo” situato al di fuori della capitale rumena, se una proposta del consiglio generale supererà il voto del Consiglio Generale della città, riporta l’organo di informazione locale Romania Insider.

Secondo i dati citati dai media locali, la città è sede di circa 1.250 sale di gioco d’azzardo e scommesse. Il Consigliere Generale Catalin Lucian Iliescu ha chiesto la ricollocazione delle strutture di gioco d’azzardo, che operano al piano terra di edifici residenziali, al di fuori della città. La sua proposta indica anche che non siano autorizzate sale di gioco d’azzardo a meno di 200 metri da scuole, chiese e altre istituzioni pubbliche.

Il funzionario ritiene che la mossa potrebbe aiutare la città a combattere il problema di gioco d’azzardo e gli aspetti della dipendenza dal gioco d’azzardo alimentati dal facile accesso degli scommettitori alle sale. La proposta del sig. Iliescu ha bisogno dell’approvazione del Consiglio Generale della città, per entrare in vigore.

Le notizie sulla potenziale mossa di Bucarest, di vietare le sale di gioco d’azzardo nel suo territorio, sono emerse nel contesto del giro di vite sul gioco d’azzardo, in corso in diversi stati dei Balcani. La settimana scorsa, il Cossovo ha sospeso il gioco d’azzardo per dieci anni dopo che alcuni dipendenti di due casinò sono stati uccisi agli inizi di marzo. Un divieto quasi totale del gioco d’azzardo è entrato in vigore nella vicina Albania il 1 gennaio 2019.

Preoccupazioni sull’Impatto della Ricollocazione delle Sale di Gioco d’Azzardo

L’organo di informazione locale G4media.ro ha riportato, citando informazioni dell’Ufficio Nazionale per il Gioco d’Azzardo della Romania, che il progetto del sig. Iliescu avrebbe un vero e proprio impatto negativo sul settore del gioco d’azzardo della nazione. In primo luogo, la ricollocazione delle sale di gioco d’azzardo di Bucarest potrebbe ridurre significativamente le tasse raccolte dallo stato. In più, molteplici posti di lavoro potrebbero essere ridotti come risultato delle restrizioni proposte.

Nel frattempo, anche Voluntari, una città situata non lontano dalla capitale rumena, potrebbe agire per vietare le sale di gioco d’azzardo e scommesse. Il Sindaco della città ha guidato una proposta simile a quella del sig. Iliescu.

I residenti di Voluntari potranno esprimere la loro opinione sul divieto proposto per le sale di gioco d’azzardo tramite un referendum cittadino che si terrà il 26 maggio. L’ elezione del Parlamento Europeo in Romania avverrà nello stesso giorno, oltre ad un referendum nazionale sulla giustizia.

Il Sindaco di Voluntari, Florentin Pandele, ha detto agli organi di informazione locali che decidendo la data del 26 maggio per il loro referendum locale sul gioco d’azzardo, non si intende contrastare il referendum nazionale della giustizia ma si vuole solo tagliare dei costi.

Bucarest è la seconda capitale europea ad aver rivelato dei progetti per un giro di vite sulle proprie sale di gioco d’azzardo, dopo che la Commissione del Consiglio Comunale di Riga ha sostenuto, lo scorso mese, un progetto per redigere un decreto legge che revocherebbe le licenze a più di 200 sale di gioco d’azzardo attualmente operanti nella capitale lituana.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit