Il Decreto Dignità crea scompiglio nel settore del gioco d’azzardo italiano

Le commissioni della Camera dei Deputati stanno attualmente esaminando gli proposti emendamenti al Decreto Dignità. La votazione finale del testo è prevista per martedì, 24 luglio e la normativa dovrebbe essere trasmessa alla Camera per ulteriori discussioni giovedì, 26 luglio. Sembra quindi che il divieto sulle pubblicità di gioco sarà uno dei temi più largamente discussi anche nei prossimi giorni.

Intanto, vari personaggi del settore del gioco d’azzardo hanno espresso le proprie preoccupazioni relativi alla legge che vieterà ogni forma di pubblicità di gioco d’azzardo nel nostro paese, fornendo diversi argomenti. La questione è stata persino inviata alla Commissione Europea. Il testo ha riscontrato una forte opposizione anche da parte del mondo sportivo italiano, che è sostenuto in gran parte da sponsorizzazioni di società di gioco.

LeoVegas deposita un reclamo presso la Commissione Europea

Il direttore generale della divisione italiana della società di gioco svedese LeoVegas, Niklas Lindahl, è stato uno dei primi protagonisti del settore del gioco d’azzardo ad opporsi al Decreto Dignità. Secondo lui il divieto sulle pubblicità di gioco non è una soluzione alla ludopatia e non risolverà il problema in alcun modo. Invece, può essere visto come incostituzionale, poiché impedirà agli operatori online a comercializzare i propri servizi e prodotti.

Lindahl ha affermato anche che la pubblicità di gioco è uno dei principali vantaggi delle società di gioco che detengono una concessione regolare rispetto a quelle non autorizzate. Infatti, va sottolineato che questa è la posizione di molti altri esponenti dell’industria, secondo cui uno dei principali effetti negativi dal divieto sarebbe appunto il passaggio di numerosi giocatori nelle mani dell’illegalità.

Venerdì scorso nei media è emersa la notizia che LeoVegas ha ufficialmente presentato un reclamo alla Commissione Europea, sostenendo che il Decreto Dignità violi la legislazione dell’UE, in particolare le norme che regolano la capacità degli Stati membri di limitare il commercio di beni e servizi.

Lindahl, ha dichiarato che la società ha presentato una denuncia alla CE in quanto il leader del M5S che ha promosso il Decreto Dignità, Luigi Di Maio, non voleva accettare un confronto democratico con l’industria del gioco d’azzardo locale operatori. In effetti, in diverse occasioni il dirigente di LeoVegas, così come altri esponenti del settore, hanno invitato il vice premier a un tavolo di confronto, tuttavia un tale incontro non è mai stato programmato.

Il direttore ha aggiunto che LeoVegas è determinato a dimostrare a Di Maio che il divieto pubblicitario non rispetta le leggi europee e soprattutto non protegge, ma anzi espone gli italiani a una maggiore probabilità di comportamenti problematici di gioco canalizzandoli verso operatori online non autorizzati.

Il mondo dello Sport italiano invita il Parlamento a modificare il Decreto Dignità

Lega Serie A, Serie B, Basket Serie A e Lega Pallavolo Serie A maschile e femminile hanno congiuntamente espresso in una nota le proprie preoccupazioni relative alle disposizioni del Decreto Dignità che oltre alle pubblicità, vieta anche le sponsorizzazioni da parte delle società di gioco.

Secondo loro, il divieto assoluto delle pubblicità avrà un impatto negativo sullo sport italiano in quanto limiterà le risorse del mondo professionale e ridurrà la competitività internazionale delle squadre italiane. A questo proposito, hanno invitato il Parlamento a individuare soluzioni che saranno in grado a mitigare gli effetti negativi dalla legge sullo sport.

Stefano Patuanelli e Francesco D’Uva del M5S hanno risposto che ‘Chi ama lo sport non azzarda‘ e ha ricordato che il divieto è sostenuto da Damiano Tommassi dell’Associazione Italiana Calciatori e 2,5 milioni di tesserati sportivi. Hanno inoltre invitato le leghe professionistiche a visitare il centro Caritas di Roma. Secondo i dati del centro, l’80% dei giocatori minori scommettono a causa degli spot televisivi e il 67% per pubblicità online.

Secondo quanto ricorda GiocoNews, invee, secondo i dati della Caritas, a Roma ci sono 256 ludpati in cura, che rappresentano solo lo 0,005% del totale della popolazione. Naturalmente, queste persone devono essere curate, tuttavia, secondo il portale, sui dati non si deve bluffare.

Paola Binetti ritiene le sanzioni non adeguate

L’On. Paola Binetti, che alla fine dello scorso anno ha fortemente criticato l’applicazione del divieto delle pubblicità di gioco in televisione, ha recentemente sostenuto che è difficile immaginare un’opposizione maggiore da parte dei media di quella riservata alla Dignità.

Secondo la senatrice, Di Maio ha previsto il divieto assoluto della pubblicità, ma secondo la relazione tecnica della Commissione Bilancio gli effetti derivati dall’applicazione sarebbero ‘peggiori del male che si pretende di curare o meglio di prevenire‘. Secondo Binetti ciò sarà ‘il trionfo dell’illegalità’ e si passerà facilmente dall’illegalità alla criminalità.

La senatrice Udc ha detto inoltre che il divieto sulle pubblicità già esiste, in quanto, tra le altre cose la nota tecnica prevede il divieto degli spot di gioco durante le trasmissioni rivolte ai minori. Secondo Binetti le norme esistenti dono dirette a contrastare la ludopatia, ma la nota tecnica omette di dire che manca un apparato sanzionatorio adeguato. Invece, cresce il numero dei giocatori e il volume delle giocate. Pertanto, oltre a promuovere il divieto alle pubblicità, secondo Binetti, Di Maio deve prevedere anche sanzioni adeguate per chi non lo rispetta.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit