Il 2018 porta tre importanti accordi che cambieranno il panorama del gioco d’azzardo

Negli ultimi anni, il settore del gioco d’azzardo è stato contrassegnato da diversi importanti accordi di fusione e acquisizione, che aiutano agli operatori di affrontare la crescente concorrenza e i regimi di regolamentazione sempre più severi. Si tratta di una tendenza che continua anche nel 2018 e che darà i suoi frutti nell’imminente futuro.

Dall’inizio dell’anno possiamo contraddistinguere tre importanti avvenimenti per il mercato del gioco d’azzardo: la fusione tra Ladbrokes Coral e GVC Holdings, l’acuisizione di SNAITECH da parte di Playtech e l’acquisizione di Sky Betting & Gaming da The Stars Group. Senza dubbio, questi accordi cambieranno il panorama attuale nel mercato di gioco italiano, che secondo molti analisti si sviluppa a ritmo molto veloce. Pertanto dedicheremo i seguenti paragrafi a sintetizzarne i dettagli.

La fusione tra Ladbrokes Coral e GVC Holdings

Lo scorso dicembre è stato annunciato che Labdrokes Coral e GVC Holdings, due colossi del gioco d’azzardo a livello internazionale, avevano discusso la possibilità di fusione. Il 22 dicembre GVC ha ufficialmente dichiarato di aver stipulato un accordo per acquisire il gruppo britannico per 4 miliardi di sterline.

L’impresa che si formerà dalla fusione trarrà beneficio dalla strategia multi-channel e multi-brand e sarà geograficamente diversificata con diverse controllate nei mercati regolamentati e in quelli che si stanno ancora sviluppando. Grazie alla fusione sarà migliorata la posizione della società in numerosi mercati regolamentati come il Regno Unito, Australia e Italia.

Labdrokes Coral opera in Italia con il marchio Eurobet e GVC con bwin e Gioco Digitale, brand ben affermati nel mercato regolamentato del nostro paese. Senza dubbio la fusione aiuterà il gruppo ad aumentare la sua quota di mercato e di rivendicare al leadership nel settore.

Nel mese di marzo gli azionisti di GVC Holdings PLC hanno votato a favore della fusione con Ladbrokes Coral PLC. Secondo le loro stime, la massiccia acquisizione dovrebbe generare sinergie di costo di almeno 100 milioni di sterline all’anno. Più tardi lo stesso mese è stato reso noto che gli operatori hanno ottenuto il via libera anche dalla Competition and Markets Authority del Regno Unito ed è stato poi annunciato che l’acquisizione è stata completata.

Playtech acquisice l’operatore italiano SNAITECH

Playtech è noto come uno dei principali sviluppatori e fornitori di giochi d’azzardo del mondo. All’inizio del mee in corso, il leader nel mercato del software da casinò ha annunciato di aver siglato un accordo per l’acquisizione di SNAITECH. L’operazione avverrà in due fasi.

In primo luogo, attraverso una società controllata di diritto italiano, Playtech ha sottoscritto un contratto di compravendita con Global Games S.p.A e OI-Games S.A. Che sono proprietari, rispettivamente, del 55,533% e del 15,028% delle azioni dell’operatore. In questo modo il provider si è assicurato una quota di maggioranza pari al 70,561% delle azioni in SNAITECH. Il prezzo concordato è stato di 2,19€ per azione, cioè 291 milioni di euro in totale.

Una volta completata l’acquisizione iniziale, Playtech dovrà promuovere un’OPA sulle azioni restanti, che dovrebbe essere conclusa nel quarto trimestre del 2018. Intanto è stato reso noto che l’amministratore delegato di SNAITECH Fabio Schiavolin rimarrà al timone della società.

È interessante notare che SNAITECH è un’azienda derivante dall’integrazione di SNAI e Cogetech. La fusione stessa è avvenuta verso la fine del 2016 e dal marzo 2017 la società porta la sua nuova denominazione sociale. Il gruppo ha recentemente riportato i suoi risultati per l’anno scorso. Secondo quanto dichiarato da signor Schiavolin, per la prima volta in 10 anni la società ha chiuso l’esercizio in utile.

Ovviamente, la fusione ha avuto un influsso positivo per l’andamento della società ed è ancora da vedere quale sarebbe l’impatto dell’acquisizione di Playtech.

L’acquisizione di Sky Betting & Gaming da The Stars Group

Verso la fine di aprile, nei media è stata diffusa una notizia che ha rapidamente guadagnato grande interesse. Il colosso del gioco d’azzardo canadese The Stars Group, meglio noto come il proprietario di PokerStars, ha annunciato che intende acquisire Sky Betting & Gaming, ovvero uno dei principali bookmaker britannici di proprietà di CVC Capital Partners, per 4,7 miliardi di dollari. Grazie all’acquisizione il gruppo creerà la più grande società di gioco d’azzardo quotata a livello globale.

L’operazione dovrebbe essere approvata dalla Borsa di Toronto, così come da NASDAQ e degli enti regolatori per poter essere completata nel terzo trimestre del 2018. The Stars Group pagherà 3,6 miliardi di dollari in contanti e 37,9 milioni di azioni.

L’Italia è un importante mercato per entrambe le società. Come menzionato sopra, The Stars Group gestisce il marchio PokerStars, che domina il mercato del poker online del nostro paese. Negli ultimi mesi anche il casinò online del gruppo è stato uno dei leader nel segmento. Sky Betting & Gaming è entrato nel mercato delle scommesse sportive online nel nostro paese nel novembre del 2016 e ha manifestato le proprie intenzioni di espandere ulteriormente le sue attività in Italia.

L’acquisizione porterà numerosi benefici per The Stars Group, tra cui la diversificazione dei ricavi e l’espansione nei mercati regolamentati, il basso costo dell’acquisizione per i clienti di scommesse sportive, tra gli altri. Un’altro aspetto positivo sarà il miglioramento della tecnologia e dei prodotti con l’aggiunta del portafoglio di casinò e scommesse di SBG.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit