Fisascat Cisl proclama lo stato di agitazione per i lavoratori del Casinò di Sanremo

Venerdì scorso, il 16 marzo 2018, la Fisascat Cisl ha proclamato lo stato di agitazione per i lavoratori del Casinò di Sanremo e 3 giorni di sciopero che saranno concordati con i dipendenti entro il 31 marzo. Ciò è emerso in diversi notiziari locali a seguito di una nota congiunta del segretario Sas Marilena Semeria e del generale territoriale Massimiliano Scialanca. Nei prossimi giorni il consiglio comunicherà le date esatte di astensione dal lavoro.

Secondo i sindacati, l’incapacità e l’immobilità del consiglio di amministrazione e del direttore generale della casa da gioco Giancarlo Prestinoni hanno eliminato tutto il lavoro svolto durante il periodo di solidarietà che aveva restituito equilibrio e stabilità al casinò.

Quindi i lavori dei tre appalti partecipano alle azioni di lotta: il Bar Ristorante ‘New Generation’, Vigilanza ‘Skp’, Pulizie ‘Eporlux’ che, secondo i sindacati, subiscono danni ingenti e continui a seguito dei tagli, dei ritardi nel pagamento degli stipendi, e della gestione insignificante delle gare.

Semeria e Scialanca hanno inoltre ribadito che dall’inizio dell’anno al momento attuale Casinò Spa ha incassato 1,9 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con calo delle presenze di 7.700 unità. Secondo i due sindacalisti, il calo degli incassi e il cairico di spese e consultazioni indiscriminate, stanno portando l’azienda ‘sull’orlo del baratro’.

I cattivi risultati e la richiesta di dimissioni

Infatti, secondo i dati precedentemente riportati da GiocoNews, a gennaio il Casinò di Sanremo ha generato 3,68 milioni di euro di ricavi, in calo 5,02% su base annua. Il numero degli ingressi è sceso del 17,6% a 15.572 unità. La contrazione è stata osservata anche nel comparto delle slot che hanno registrato 2,83 milioni id euro, l’8,88% in meno rispetto lo scorso anno. Durante il periodo compreso tra il febbraio 2017 e il gennaio 2018, la casa da gioco ha incassto 44,6 milioni di euro, in calo dello 0,24% su base annua.

Nel febbraio del 2018 il Casinò ha registrato incassi di 3,58 milioni di euro, che rappresenta una flessione dell’11,46% rispetto al dato registrato nel 2017. Il numero delle presenze è sceso del 15,09% su base annua a 15.685 unità. Le slot machines hanno generato 2,84 milioni di euro, in diminuzione dell’1,7% su base annua.

Secondo Semeria e Scialanca sono in uno stato di abbandono le sale dei giochi elettromeccanici private di misure di sicurezza e che soffrono dai tagli all’ospitalità e il ritiro del parcheggio gratuito per i clienti, così come le sale dei giochi tradizionali private di giocatori, sempre penalizzati in ospitalità in cui lavorano solo 50 dipendenti per cui manca una seria organizzazione del lavoro.

Alla fine della nota, i sindacalisti spiegano che la crescente preoccupazione e la consapevolezza che non vi sia più tempo da perdere gli ha portato a chiedere le dimissioni immediate del Consiglio di Amministratore e del Direttore Generale del casinò. Secondo Semeria e Scialanca, i lavoratori non devono essere quelli a contribuire finanziariamente a un possibile squilibrio di bilancio e quindi chiedono che si costituisca al più presto una struttura gestionale capace, in grado di ‘traghettarci fuori dalla palude’.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit