Il Casinò di Venezia registra buoni risultati a Ferragosto nonostante lo sciopero

Sembra che lo sciopero presso il Casinò di Venezia continui fino a giovedi con diversi orari. Venerdì è stato annunciato che dal 18 al 24 agosto il reparto tessere del casinò non sarà attivo dalle 17:30 alle 19:00, mentre tutti gli altri reparti continueranno l’astensione dal lavoro nelle stesse modalità e sempre fino allo stesso giorno. Questa notizia leggiamo su GiocoNews, secondo quanto riportato da Slc Cgil, Snalc Cisal, Fisascat Cisl, Ugl Terziario, Rlc e Sgb.

Il portale riporta inoltre, che in una lettera aperta al sindaco Luigi Brugnaro le suddette organizzazioni hanno riconfermato la propria disponibilità a sedersi a un tavolo di confronto. Sono disposti a discutere il nuovo contratto aziendale e la tutela dei posti di lavoro e degli stipendi dei dipendenti, nonché il piano di rilancio della casa da gioco. I sindacati ricordano le parole di Brugnaro citate dai quotidiani locali a Ferragosto, in cui dice che devono salvare l’azienda e che si aspettano che si sieda al tavolo delle trattative.

A questo proposito le OOSS hanno ribadito la propria volontà di trovare le soluzioni per il bene dei lavoratori e della città, per il rilancio del casinò, che da sua parte, dovrebbe salvare i posti di lavoro e il redditto dei suoi dipendenti.

Lo sciopero a Ferragosto

Come abbiamo precedentemnete riportato, i sindacati hanno deciso di promuovere lo sciopero dei dipendenti di Ca’ Vendramin durante le feste a Ferragosto. Doo che i lavortori hanno chiesto le ferie dal 14 al 16 agosto, è stato annunciato che tutti i reparti si sarebbero astenuti dal lavoro dalle 01:30 del 14 agosto alle ore 06:00 del 16 agosto.

Secondo l’assessore al Bilancio Michele Zuin, ciò è stato un altro comportamento irresponsabile di disaffezione per il casinò. Zuin ha ritenuto questo sciopero ‘strumentale’, considerando il giorno in cui si è svolto e questi non sono i presupposti per un dialogo.

È stata chiusa la sede della casa da gioco a Ca’ Vendramin, mentre Ca’ Noghera è rimasta operativa. Per affrontare il problema, l’amministrazione del casinò ha promosso ai clienti un ingresso gratuito presso la sede operativa, oltre a un ticket gratis da 20€ per le slot.

Dopo che a luglio, nonostante lo sciopero, la casa da gioco ha registrato un aumento dei ricavi, attribuito soprattutto alle attività di marketing, un risultato positivo è stato registrato anche a Ferragosto, secondo quanto si legge su Pressgiochi. La promozione presso la sede a Ca’ Noghera è riuscita ad attirare 3.427 ingressi e 114.000€ di incassi, nonostante il blocco di Ca’ Vendramin. In confronto, il 15 agosto dell’anno precedente ha registrato circa 3.000 ingressi e incassi di 119.000€ a Ca’ Noghera più 8.000€ a Ca’ Vendramin.

Signor Zuin ha commentato che hanno tenuto botta e non osa immaginare ciò sarebbe stato accaduto se avessero chiuso il casinò a Ferragosto. Secondo l’assessore l’atteggiamento dei sindacati è assurdo in quanto vogliono riaprire un dialogo e poi ‘buttano a mare gli incassi’. Inoltre, il sindaco ha riconosciuto ai dipendenti il diritto allo sciopero, ma l’amministrazione ha il compito di fare bene della società e risanarla. Secondo Zuin i scioperi sono irresponsabili e grazie ad alcuni dipendenti che non vi hanno aderito sono riusciti a tenere aperta la sala slot.

I sindacati hanno risposto che l’assessore ‘suona come un disco rotto‘ in quanto parla sempre dell’irresponsabilità dei lavoratori e dei sindacati e lo hanno criticato di non vedere la realtà del conflitto.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit