I ricorsi contro l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli aumentano del 15,09% nel primo trimestre del 2017

È aumentato il numero dei ricorsi contro l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Ciò si legge nel Rapporto trimestrale sul contenzioso tributario relativo ai primi tre mesi del 2017 pubblicato ieri dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Durante il periodo in esame, il numero complessivo di nuovo ricorsi presentati nelle Commissioni tributarie è stato pari a 58.597, mentre sono stati definiti 78.845 ricorsi. In aggiunta, è stata registrata una riduzione del 9,3% rispetto allo stesso periodo del 2016 e del 25,92% rispetto al primo trimestre del 2015. Il numero dei ricorsi pervenuti nelle Commissioni tributarie provinciali è stato pari a 40.935, mentre i ricorsi definiti hanno raggiunto 63.669.

Secondo quanto riferito nella relazione è stato osservato un decremento del 12,08% del flusso del contenzioso durante il primo trimestre del 2017. Il 39,63% dei ricorsi presentati hanno coinvolto l’Agenzia delle Entrate, il 27,25% – l’Equitalia e il 16,58% – gli Enti Territoriali. In effetti, la riduzione del contenzioso di queste tre autorità è stata pari al 25,86%, 14,59% e 16,82%, rispettivamente. Invece, il contenzioso verso l’Agenzia delle Dogane e delle Monopoli è cresciuto del 15,69% su base annua. È incrementato anche il numero dei ricorsi contro gli Altri Enti (+97,33%).

Il numero dei ricorsi del valore inferiore a 20.000€ è diminuito dell’8,83% da 31.462 nel primo trimestre del 2016 a 28.685 nel periodo in esame. I ricorsi del valore superiore a 20.000€ hanno subito un calo del 20,11% da 14.271 nel 2016 a 11.401 nel 2017. Complessivamente, le cause instaurate durante il periodo in esame sono state di più di 5,1 miliardi di euro, che rappresenta un decremento del 28,81% su base annua. Il valore medio dei ricorsi ha toccato 124.804,60€, in calo del 19,03% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Per quanto riguarda i ricorsi dell valore inferiore o uguale a 20.000€, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha registrato una crescita del contenzioso del 57,59%, ossia 110 ricorsi. Per essere precisi, i ricorsi del suddetto valore nel primo trimestre del 2017 sono stati pari a 301, rispetto ai 191 registrati nello stesso periodo del 2016.

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è l’ente impositore con la più grande percentuale di esiti completamente favorevoli con il 51,62%. Il loro valore economico contribuisce il 63% del totale delle controversie contro l’autorità.

Per quanto riguarda gli appelli pervenuti, il loro numero complessivo è diminuito del 2,12% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Di nuovo la maggioro parte degli appelli presentati hanno coinvolto l’Agenzia delle Entrate (il 67,5%), l’Equitalia (16,05%) e gli Enti Territoriali (10,98%). Durante il periodo in esame, è stata osservata una crescita del contenzioso contro l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (+4,58%) e l’Equitalia (+22,47%).

Durante i primi tre mesi del 2017, il numero complessivo degli appelli definiti è stato pari a 15.176, in crescita del 5,97% su base annua. L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha registrato un’alta percentuale di successo negli appelli – il 61,44%, di un valore economico di 24 milioni di euro che è pari al 43,55% del totale delle controversie contro l’agenzia.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit