Il segmento dei Casinò Games genera il 43% della spesa sul mercato dell’iGaming italiano

Negli ultimi anni il settore del gioco d’azzardo online nel nostro paese ha attirato numerosi nuovi operatori sul mercato regolamentato italiano. A questo fatto ha contribuito il proficuo lavoro dell’Ente regolatore del gioco in Italia – l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM) e di Sogei, la società di Information and Communication Technology del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Per poter dimensionare il mercato del gioco online nel nostro paese e individuare le cause della sua continua evoluzione e come viene garantita la sicurezza e la tutela dei consumatori, è stata condotta la Ricerca 2016-2017. I risultati dall’indagine sono stati presentati all’Osservatorio Gioco Online che si è tenuto ieri 11 Aprile 2017 presso l’Aula Carassa-Dadda del Politecnico di Milano.

Al convegno sono stati presentati i dati di un rapporto che misura il mercato del iGaming e analizza l’offerta mobile, confrontandola con quella dei mercati esteri regolamentati e con i settori dell’intrattenimento. La presentazione è stata seguita da una Tavola Rotonda a cui hanno preso parte i principali concessionari e operatori di gioco online.

Secondo quanto riportato, nel 2016 il valore del mercato dell’iGaming regolamentato è stato 1,03 miliardi di euro, in aumento del 25% su base annua. La cifra rappresenta il 5,4% del valore complessivo dell’offerta online e offline del gioco.

La crescita è attribuita al contrasto al gioco irregolare da parte di ADM, che ha creato una lista nera di più di 6.000 siti web ‘.com’. Ciò ha impedito ai principali providers internazionali di gioco online di negare i propri servizi agli operatori che svolgono le loro attività sul territorio italiano senza una licenza.

Il segmento dei giochi da casinò è cresciuto del 35% nel corso del 2016, registrando una spesa di 441 milioni di euro. Questo dato rappresenta il 43% della spesa totale sul mercato di gioco online. Un incremento del 31% è stato osservato anche nel segmento delle scommesse sportive che hanno generato 350 milioni di euro, ossia il 34% del mercato.

Tuttavia, il settore del poker online è diminuito del 5% e ha registrato una spesa di 138 milioni di euro, pari al 13% del mercato. Il Bingo, il Lotto e le Scommesse virtuali hanno generato i restanti 97 milioni di euro, ossia il 10% della spesa complessiva. Si tratta di un aumento del 20% rispetto agli 81 milioni di euro registrati nel 2015.

Nel 2016 la spesa del segmento mobile è balzata del 50% e ha raggiunto 233 milioni di euro. L’84% di questa somma è stata generata su Smartphone, che si è affermato come il principale canale mobile. Secondo Samuele Fraternali, Ricercatore Senior dell’Osservatorio, la crescita è dovuta all’ampliamento e al miglioramento dell’offerta dei concessionari, così come all’evoluzione tecnologica, alle infrastrutture e alla cultura digitale dei giocatori.

Circa un quarto della spesa, cioè 250 milioni di euro sono stati trattenuti dallo Stato in forma di tassa diretta. La maggior parte di questa somma è stata generata dai giochi da casinò e dalle scommesse sportive. Il totale della spesa registrata da questi due segmenti rappresenta 2/3 dei volumi.

Secondo Daria Petralia, Dirigente responsabile del gioco a distanza dell’ADM – Area Monopoli, citata da GiocoNews, il gettito erariale è cresciuto del 21% su base annua, con un tasso inferiore rispetto all’aumento della spesa. La crescita è attribuita al passaggio alla tassazione sul margine per il betting e gli skill games a torneo. Signora Petralia ha inoltre detto che nel 2017 si focalizzeranno sulla tracciatura dei flussi di gioco mobile e sarà istituito un bando per l’assegnazione di 120 licenze di gioco online al fine di suscitare l’interesse degli operatori internazionali al di fuori del mercato italiano.

Inoltre, secondo i dati del rapporto, 1,79 milioni di italiani hanno effettuato almeno una giocata nel corso del 2016, in crescita del 15% su base annua. Gli utenti unici che giocano a livello mensile sono circa 766.000, in aumento del 155 rispetto ai 664.000 giocatori del 2015. Il giocatore spende in media 48€ al mese. La maggior parte, ossia l’83% dei giocatori sono uomini, il 69% sono residenti in Italia Centro-Meridionale e il 53% sono di età compresa tra 25 e 44 anni.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit