Alessandro Cattarossi assume la carica di Direttore Generale del Casinò di Venezia

Due giorni fa è stato presentato ai sindacati il piano industriale relativo alle proposte misure che dovrebbero essere adottate in merito alla profonda crisi del Casinò di Venezia. Nel corso dell’incontro è stato annunciato che Alessandro Cattarossi è stato nominato Direttore Generale. Inoltre, Matteo Santini sarà il nuovo responsabile giochi presso la casa da gioco veneziana.

Va ricordato che lo scorso anno Eros Ganzina è arrivato al timone del casinò per migliorare la performance finanziaria della casa da gioco però sembra che non sia riuscito a farla uscire dalla crisi. Secondo quanto riportato dal quotidiano La Nuova di Venezia e Mestre, nel 2016 i ricavi del casinò sono leggermente aumentati del 1,79% e hanno raggiunto 102,61 milioni di euro (oltre 2 milioni di euro sotto le previsioni), rispetto agli 100,80 milioni di euro registrati nel corso dell’anno precedente. Per essere più precisi, si tratta di una differenza di 2 milioni che il Comune non è più disposto a ricapitalizzare. La tendenza negativa è continuata anche nel mese di gennaio quando il casinò ha registrato una perdita di 900.000€.

Il 31 gennaio a un incontro tra i funzionari veneziani e i sindacati è stato deliberato che dopo le sue ferie obbligatorie Eros Ganzina doveva lasciare la sua incarica di Direttore Generale anzitempo.

Il 20 febbraio, è stato confermato che Alessandro Cattarossi sostituirà signor Ganzina al posto di Direttore Generale. Quella mossa non è tanto sorprendente, poiché quella voce circolava nei media dopo la dimissione dell’ex dirigente. Eros Ganzina, oltre alla direzione generale, assumeva anche l’incarico di direttore giochi. Quuesto ruolo sarà ora affidato a Matteo Santini, co-direttore di Casinò di Venezia Gioco SpA dal 2010.

Nel curriculum vitae di Alessandro Cattarossi si legge che è nato a Udine nel 1972. Si è laureato in Scienze Internazionali e diplomatiche presso l’Università degli studi di Trieste. Dal 1995 al 2000 ha lavorato presso Ernst & Young coorporate Finance S.p.A dove ha assunto il ruolo di supervisor. L’anno successivo è stato Responsabile Finanza e Investor Relations presso Ac.E.Ga.S. S.p.A. Nel 2001 ha cominciato a lavorare presso il Comune di Venezia dove si è occupato di formulazione dei bandi di gara e dei contratti di servizio, tra gli altri.

Nel 2002 è entrato a far parte del Casinò Municipale di Venezia S.p.A. in qualità di collaboratore che si occupava del controllo di gestione. Nel 2004 ha assunto la carica di Direttore Pianificazione Controllo di Gestione ed Acquisti presso la casa da gioco e nel 2013 è stato nominato Direttore Generale di Casinò di Venezia Meeting & Dining Services Srl.

Secondo quanto riferito da La Nuova di Venezia e Mestre, il Piano di ristrutturazione, detto anche ‘Piano di azione’, che è stato presentato dal sindaco Luigi Brugnaro e Michele Zuin, l’assessore al Bilancio e alle Partecipate, dovrebbe essere esaminato entro 40 giorni e applicato entro 30 giugno. Il piano prevede l’aumento della produttività attraverso le revisioni degli accordi sindacali, la maggiore flessibilità e nuovi orari. Secondo i funzionari solo in questo modo la casa da gioco potrà evitare la liquidazione e si potrà dare il via agli investimenti. Se il piano non viene approvato, si dovranno discutere interventi più drastici, quali gli esuberi e, anzi, la chiusura della sede a Ca’ Vendramin.

Va precisato che presso la società lavorano 538 dipendenti, suddivisi nelle due sedi – Ca’ Vendramin (un terzo degli adetti) e Ca’ Noghera. Il costo del personale è stimato a 41 milioni di euro, la maggior parte dei quali, 27,6 milioni a Ca’ Noghera.

Secondo signor Zuin, la legge non consente di effettuare nuovi ricapitalizzazioni per salvare la società. Pertanto, chiedono sacrifici ma in modo tale da tenere aperta la Ca’ Vendramin senza intraprendere degli esuberi. Signor Zuin propone una singola sala da giochi unificata al terzo piano a Ca’ Vendramin. Così, il resto del palazzo sarà aperto ai cittadini e ci si potranno organizzare eventi speciali. L’altra proposta tratta dal piano è di assumere personale cinese in quanto ci sono molti clienti della casa da gioco, provenienti dall’Estremo Oriente.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit