PokerStars testa nuove funzionalità per limitare l’utilizzo di seating scripts

La sala da poker online PokerStars ha recentemente annunciato che adotterà misure per limitare il bumhunting e l’utilizzo di seating scripts. Una speciale nuova funzionalità sarà testata in un singolo mercato e se si dimostrerà di essere abbastanza efficace, sarà successivamente lanciata in altri mercati.

L’operatore di poker online ha spiegato che la funzionalità Seat Me è stata creata per facilitare e migliorare il processo di ‘seating’ (prendere posto) nei ring games. La funzionalità Impedirà ai giocatori di usare i seating scripts per scegliere i loro tavoli e i posti ai tavoli. Invece, saranno indirizzati verso il gioco subito dopo aver scelto il tipo di gioco e la quota.

PokerStars ha annunciato che la nuova funzionalità verrà prima testata in Spagna sul sito .es della poker room. I risultati del periodo di prova saranno poi analizzati e se Seat Me sarà ritenuto uno strumento utile per gli sforzi della sala da poker per limitare l’uso di software non autorizzato che dà ai giocatori un vantaggio ingiusto, sarà implementato anche in altri mercati.

Come sottolineato dal Director of Poker Room Operations di PokerStars, Severin Rasset, nel blog aziendale dell’operatore, la nuova funzionalità limiterà il bumhunting, imperidrà all’uso di seating scripts, che rendono più facile per gli shark (i giocatori di comprovata abilità) trovare i fish (avversari meno esperti), e imporrà sanzioni di tempo per chi cambia frequentemente i tavoli, interrompendo così il gioco. PokerStars ha anche descritto la sua mossa come una che mira a fornire ai giocatori online un’esperienza che imiti il poker dal vivo.

Le informazioni sulla nuova funzionalità hanno suscitato reazioni contrastanti nella comunità del poker online. Alcuni giocatori hanno rilevato che PokerStars hanno dovuto introdurre Seat Me molto prima. Altri sono stati meno entusiasti, sostenendo che la funzionalità avrà un impatto negativo sul gioco short-handed.

Il bumhunting è un problema che un certo numero di sale da poker online hanno cercato di affrontare, anche se ciò si è dimostrato di essere un compito assai impegnativo. Lo scorso autunno, il marchio partypoker, di proprietà dell’operatore di iGaming con sede nell’Isola di man GVC Holdings, ha annunciato l’adozione di ulteriori misure per migliorare il suo ecosistema e per fornire tutti i suoi giocatori con pari possibilità.

La poker room ha completamente vietato l’utilizzo di seating scripts. A partire dal 5 ottobre 2016, tutti i giocatori beccati a utilizzare tali scripts dovevano ricevere un avviso. Se i giocatori violavano le regole per la seconda volta, il loro conti venivano bloccati.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit