La principale unità operativa di Caesars esce dal fallimento

L’operatore di casinò Caesars Entertainment Corp. ha ottenuto l’approvazione del tribunale di avviare un processo di ristrutturazione secondo un piano che ha presentato l’anno scorso. La mossa dà anche il via libera alla sua unità operativa principale – Caesars Entertainment Operating Company (CEOC) – per uscire dal fallimento previsto dal Capitolo 11.

Secondo il piano di ristrutturazione, Caesars, ossia la società madre, si fonderà con un’altra delle sue controllate – Caesars Entertainment Co – per portare i suoi casinò sotto lo stesso tetto e separare i suoi attivi immobiliari in tutti gli Stati Uniti dalle sue attività effettive di gioco.

Martedì scorso, il piano di riorganizzazione di Caesars ha ottenuto il via libera da parte del giudice fallimentare statunitense Benjamin Goldgar, che è stato responsabile per la causa fin dall’inizio. Anche se il più grande ostacolo sia stato superato, certe autorizzazioni regolamentari di gioco devono essere ottenute e le transazioni finanziarie devono essere completate in modo tale che l’operatore sia in grado di finalizzare il piano.

CEOC ha fatto una richiesta per una tutelata dal fallimento come previsto dal Capitolo 11 il 15 Gennaio 2015 nel tentativo di scaricare la maggior parte di un debito di 18 miliardi di dollari. Come menzionato sopra, l’approvazione del tribunale di martedì ha aperto la strada per l’uscita dell’unità dal fallimento. La comparsa del fallimento dovrebbe essere completata più tardi nel 2017.

Gli ultimi due anni e i mesi prima della richiesta di CEOC per la tutelata dal fallimento sono stati particolarmente tumultuosi sia per la società madre che per la sua unità operativa. Gli ostacoli giuridici venivano da tutti i lati, impedendo all’operatore di casinò di procedere con la proposta ristrutturazione.

In realtà, i problemi legali di Caesars sono iniziati alcuni mesi prima che la sua unità operativa avesse richiesto la tutelata dal fallimento. Nel 2014, la società ha fatto arrabbiare gli obbligazionisti che hanno sostenuto che era stata incaricata dai suoi proprietari – Apollo Global Management e TPG Capital – di vendere alcuni casinò di Las Vegas, il che le avrebbe permesso di risolvere i suoi problemi di debito. Le suddette due società di private equity hanno acquisito Caesars per 30 miliardi di dollari nel 2008.

Essendo costantemente complicata da conflitti tra le parti coinvolte, ci è voluto troppo tempo per risolvere la causa di fallimento. Nel suo corso Caesars, i creditori, gli obbligazionisti, i finanziatori e gli altri partecipanti hanno litigato su dove dovrebbe essere ascoltata e sul modo migliore di risolverla, hanno visto un’indagine sul presunto saccheggio di attivi di casinò e hanno detto addio al mediatore appositamente nominato che ha smesso di lavorare sul caso siccome non condivideva la visione su come doveva essere gestita.

La causa doveva essere ascoltata in Illinois o in Delaware. Tuttavia, Caesars sperava che un giudice dell’Illinois sarebbe stato incaricato di ascoltarla, siccome lo Stato è generalmente noto per essere più veloce nel risolvere di questioni di questo tipo. Come menzionato sopra, il giudice Goldgar dal Distretto settentrionale dell’Illinois finalmente è stato incaricato di supervisionare il procedimento.

Nel mese di settembre 2016, il giudice in pensione Joseph Farnan, che era stato nominato mediatore della causa, ha annunciato che si sarebbe dimesso. Anche se non spiegasse in dettaglio perché aveva deciso di abbandonare la causa multimiliardare, il signor Farnan ha fatto un acceno ai disaccordi con il giudice Goldgar.

Sempre in settembre Caesars ha aggiunto gli ultimi dettagli su un insediamento di 5 miliardi di dollari per porre fine alla causa di fallimento. Proprio quando sembrava che il completamento del piano di ristrutturazione fosse vicino, il fiduciario statunitense ha contestato le sue condizioni. Tuttavia, è stato annunciato venerdì 13 gennaio che l’osservatore del fallimento statunitense e l’operatore di casinò hanno finalmente raggiunto un accordo, un presupposto necessario per l’approvazione definitiva del giudice Goldgar.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit