Il co-fondatore di Paddy Power parla male dei FOBT

Il co-fondatore ed ex amministratore delegato di Paddy Power Stewart Kenny ha segretamente fatto pressione contro la legalizzazione dei terminali di scommesse a quota fissa (FOBT) nella Repubblica d’Irlanda, secondo un annuncio di The Times.

Kenny ha co-fondato il principale operatore di gioco d’azzardo nel 1988 ed è stato suo amministratore delegato dal maggio del 1988 fino a metà del 2002. Poi è rimasto un membro del Consiglio fino ad agosto 2016, quando si è dimesso dopo aver trascorso quasi tre decenni presso l’azienda.

Il governo irlandese ha insistito sulla potenziale legalizzazione dei FOBT nel 2009. Come The Times afferma nel suo annuncio di oggi, signor Kenny ha fatto una presentazione agli alti funzionari dell’Irlanda, sostenendo che i dispositivi di gioco in questione erano più allettanti per i clienti e quindi più coinvolgenti rispetto ad altri prodotti di gioco d’azzardo offerti nei centri scommesse.

L’ex dirigente di Paddy Power ha ulteriormente spiegato che la dipendenza che comportano i FOBT deriva dal fatto che permettono ai giocatori di ri-scommettere le loro vincite quasi istantaneamente, senza avere abbastanza tempo per farci un pensierino. Anche l’interfaccia colorata, il movimento e la dinamica, così come i suoni dei dispositivi coinvolgono i clienti in gioco d’azzardo compulsivo, secondo signor Kenny.

Nella sua presentazione al governo irlandese, il co-fondatore di Paddy Power ha rilevato che il paese aveva bisogno di trarre una lezione dal Regno Unito dove i politici erano cresciuti altrettanto dipendenti dalle macchine controversi quanto i giocatori. Dal momento che sono stati introdotti nei primi anni 2000, i FOBT sono diventati molto popolari nel Regno Unito, generando milioni di sterline di entrate fiscali.

Secondo signor Kenny, le macchine erano molto difficili da rifiutare e regolare siccome i funzionari britannici non erano pronti a rinunciare al sostanziale fatturato che avevano contribuito nel corso degli anni.

Il governo irlandese non ha legalizzato i FOBT alla fine, probabilmente influenzato dalla presentazione dell’ex amministratore delegato di Paddy Power e dal fatto che un rappresentante del settore ha parlato così male dei dispositivi di gioco.

L’annuncio di The Times è stato pubblicato solo un giorno dopo che il periodo di consultazione del governo britannico sui FOBT e sulle altre macchine da gioco è stato chiuso. Nel corso degli ultimi anni, i lobbisti hanno attivamente insistito sulla modifica dei regolamenti vigenti che disciplinano il funzionamento dei FOBT nei centri scommesse. Attualmente, le macchine accettano le scommesse di fino a 100£ ogni 20 secondi, il che li rende particolarmente allettanti per i giocatori. Secondo molti, le massime puntate saranno ridotte significativamente, anche se non è ancora chiaro quanto esattamente, semmai ci saranno modifiche delle leggi.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit