Mezzo milione di minori britannici giocano d’azzardo ogni settimana

Una nuova relazione pubblicata dalla UK Gambling Commission ha segnalato che circa 450.000 minori di età compresa tra 11 e 15 anni giocano d’azzardo ogni settimana. Il Young People and Gambling Report, come è stata intitolata la pubblicazione, ha rilevato anche che circa 9.000 degli intervistati avevano mostrato sintomi di gioco d’azzardo problematico.

Sembra che la percentuale complessiva dei minori di età compresa tra 11 e 15 anni che giocano d’azzardo si sia attestata al 16%. Le attività di gioco erano stati ritenuti diffusi tra i ragazzi dalla fascia di età summenzionata. Il 21% dei ragazzi intervistati hanno partecipato in qualsiasi tipo di attività di gioco. La percentuale è stata pari al’11% per quanto riguarda le ragazze di età compresa tra 11 e 15 anni.

Le slot machine, i gratta e vinci della National Lottery e le scommesse piazzate in privato tra amici erano stati indicati come le opzioni di gioco d’azzardo più popolari tra i membri del gruppo, oggetto della ricerca. Come rilevato nella relazione, l’8% degli intervistati avevano giocato in centri scommesse, sale da bingo, sale da giochi e altri locali di gioco durante il periodo di una settimana in esame.

Circa il 3% dei minori intervistati avevano speso il proprio denaro in attività di gioco d’azzardo online; circa il 6% avevano giocato online dai conti dei loro genitori (con o senza il permesso di farlo).

La relazione della UK Gambling Commission ha anche mostrato che il 75% dei minori intervistati avevano visto le pubblicità di gioco d’azzardo in televisione; il 63% si erano imbattuti in questi sui social media. Recentemente è stato annunciato che le pubblicità televisive di gioco d’azzardo possono affrontare le regolamentazioni più severe a partire dal prossimo anno. Si ritiene che i dati summenzionati possono incoraggiare ulteriormente l’attuazione di tali normative.

Commentando i risultati della relazione Young People and Gambling Report, il direttore esecutivo della Gambling Commission, Tim Miller, ha rilevato che i minori di età compresa tra 11 a 15 anni sembrano essere più inclini a giocare d’azzardo che a bere, drogarsi e fumare. Sig. Miller ha sottolineato che il regolatore del paese aveva applicato le norme necessarie per esigere dagli operatori la prevenzione dei minori dal gioco d’azzardo.

Il dirigente ha aggiunto che ci sono ancora alcune attività di gioco d’azzardo, che non sono legalmente vietate ai minori e il regolatore non può affrontare le problematiche relative a tali attività. Sig. Miller ha raccomandato che i loro genitori cerchino di dissuadere i propri figli dagli abitudini di gioco e li approccino con cautela.

Il gioco d’azzardo è un settore del valore di 13,6 miliardi di sterline nel Regno Unito, come recentemente riportato dalla Gambling Commission. Questo pone il mercato locale tra i più grandi al mondo. Tale ambiente di gioco spazioso crea senza dubbio le condizioni per il gioco d’azzardo problematico. Nel corso degli anni, il regolatore di gioco d’azzardo del paese insieme ad altre organizzazioni hanno cercato di affrontare i danni relativi al gioco d’azzardo attraverso diverse iniziative.

Ultimamente, GambleAware, una di queste organizzazioni, ha pubblicato la sua strategia quinquennale per combattere il problema del gioco d’azzardo. Secondo il piano summenzionato, cercherà di raccogliere 10 milioni di sterline all’anno dagli operatori, dagli inserzionisti e dalle società sportive professionistiche per finanziare la ricerca, la formazione e il trattamento.

Secondo GambleAware ci sono circa 250.000 adulti con comportamento di gioco d’azzardo problematico nel Regno Unito e più di 470.000 che mostrano sintomi di gioco d’azzardo problematico.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit