Le tipologie di giocatori di poker a seconda delle loro maniere a tavola

Il poker è un gioco di pura fortuna!” – un’inesperta di poker potrebbe concludere con la determinatezza abituale delle persone che non hanno guadagnato abbastanza esperienza e possono vantarsi solo di un’infarinatura di competenze in una determinata area, ma sono comunque disposti a esprimere la propria opinione. Un intenditore del poker o anzi un appassionato di poker che si rispetti sarà profondamente offeso da tale dichiarazione.

La verità è che la fortuna è una parte essenziale di ogni partita di poker. Tuttavia, richiede una pletora di diverse competenze che un giocatore deve padroneggiare per essere redditizio e riuscito sul feltro. Il poker, in particolare quando giocato dal vivo, è un gioco di osservazione. Avere la mano migliore sul tavolo non sempre significa vincere il piatto, ciò dà semplicemente un notevole vantaggio sugli avversari.

Conoscere bene i compagni di tavolo, cercare di capire il motivo per cui si comportano nel modo in cui si comportano, analizzare in modo efficace i modelli comportamentali comuni sono tutte le competenze che possono aiutare un giocatore a presentarsi meglio a tavola. Naturalmente, le abilità che un buon giocatore deve padroneggiare non sono limitate solo alle suddette, ma sono le più importanti nel contesto di questo articolo.

I giocatori di poker sono generalmente classificati in quattro categorie principali quando si tratta del modo in cui giocano. Secondo la classificazione più popolare, un giocatore può essere loose-passive, loose-aggressive, tight-passive e tight-aggressive. Tuttavia, limitare lo stile di gioco solo alle modalità di puntare è probabilmente un errore.

Come menzionato sopra, il poker è molto di più che guardare le proprie carte, puntare, se soddisfatto di quello che vedi, o passare, se non lo sei. Le suddette quattro categorie si sono soffermati per così tanto tempo che probabilmente c’è poco che non è stato già detto o scritto dalle persone che si interessano di poker.

Il focus di questo articolo cade su una classificazione leggermente diversa, basata sul comportamento dei giocatori, mentre al tavolo. Una generalizzazione chiara di un grande gruppo di persone è quasi impossibile. Le persone diverse agiscono in modo diverso quando nella stessa situazione. Eppure, come in ogni altro aspetto della vita, ci sono alcuni modelli che possono essere notati tra i giocatori, mentre sul feltro. Questi modelli forniscono abbastanza materiale per stabilire alcuni gruppi.

Ecco i tipi di giocatori in base alle loro maniere a tavola, o il modo in cui si comportano durante il gioco di poker dal vivo.

I silenziosi

Molti direbbero che i giocatori che rientrano in questa categoria sono i più pericolosi, perché è davvero difficile interpretarli. Questi giocatori restano in silenzio e quasi immobili per tutto il gioco. Sembrano di essere concentrati solo sulle proprie mani e di non accorgersi di niente altro intorno a loro. Iniziare una conversazione con loro è quasi impossibile. Il loro abbigliamento al tavolo da poker è spesso completato da un paio di cuffie, così dimostrando ulteriormente che non vogliano essere disturbati.

I chiacchieroni

I chiacchieroni sono l’esatto opposto ai silenziosi. Iniziano a parlare fin dall’inizio del gioco di poker e continuano a parlare fino alla fine. Possono parlare letteralmente di qualsiasi cosa che possa venire in mente – lo sport, il tempo, lo stato dell’industria petrolifera, la settimana della moda di New York, gli alberghi più economici a Las Vegas, gli alberghi più costosi a Las Vegas, e Dio sa cosa altro. Nel frattempo, di tanto in tanto possono dire una o due paroline sui giochi stessi, cercando così di intendere la prossima mossa dei suoi avversari.

Il loro obiettivo è chiaro – il loro scopo è di distrarre i loro compagni di gioco, forse anche infastidirli. In ogni modo, vorrebbero che i loro avversari perdessero il controllo della situazione. Anche se molti direbbero che una tale strategia è abbastanza ovvia ed è una da cui è facile difendersi, ci sono numerosi esempi nella lunga storia del poker che mostrano il contrario.

Gli emotivi

Cantando, ballando intorno, blaterando costantemente, ridendo, piangendo e bestemmiando come uno scaricatore di porto quando si perde una mano importante, i giocatori emotivi portano una vivacità incomparabile al tavolo da poker. Avere un tale avversario al tavolo a volte può essere fastidioso. Non avere un tale avversario al tavolo è un peccato.

I giocatori a sguardo fisso / Gli scanner

I giocatori appartenenti a questo gruppo sono probabilmente i più intimidatori. Loro fissano i propri avversari con una determinazione che suggerisce una certa capacità soprannaturale di leggere la mente, le carte, i movimenti e tutto ciò che si può leggere, mentre a tavola. Sono come gli scanner che sono in grado di imparare tutto ciò che riguarda i loro compagni di gioco, o meglio tutto ciò che può aiutarli a vincere una mano e l’intero gioco.

È proprio uno spettacolo, quando due di questi giocatori giocano heads-up uno contro l’altro e fissandosi con lo sguardo per minuti e ore, gli avversari cercano di penetrare nelle proprie menti e scoprire che cosa l’altro avrebbe fatto dopo.

I sinceri

Ultimo ma non meno importante, anche i giocatori sinceri che discutono apertamente la strategia di poker e anzi occasionalmente suggeriscono la loro prossima mossa o quali sono le loro carte meritano una certa attenzione. I giocatori come questi sembrano essere molto aperti per quanto riguarda il loro stile di gioco. Anche se è facile credere che una tale strategia non vinca mai, questo non è sorprendentemente vero. Detto altrimenti, i sinceri sono così sinceri che nessuno si fida della loro onestà. Questo, a sua volta, li dà un certo vantaggio al tavolo.

Per riassumere, i diversi giocatori adottano strategie diverse e li sviluppano in ciò che funziona meglio per loro. Tuttavia, gli elementi comuni possono infatti essere notati nel modo in cui si comportano e questo permette di stabilire alcuni gruppi anche se sono troppo astratti per essere presi seriamente. Qui è importante notare che la classificazione di cui sopra non è per niente ufficiale, si basa sulle ore spese a osservare alcuni dei grandi nomi del poker e a prendere appunti sul loro comportamento generale e manierismi durante il gioco. Non mira a offendere nessuno, ma solo a presentare un altro punto di vista sul modo in cui i giocatori sono classificati, un punto di vista che getta più luce sulle loro maniere.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit