Caesars chiede l’estensione di un’altra causa a grande rischio

Caesars Entertainment, la società che nel corso dei mesi precedenti è stata in prima pagina a causa dei numerosi ostacoli relativi al fallimento è ora sfidata a superarne un altro.

Caesars è attualmente gestito da TPG Capital e Apollo Global Management e i funzionari delle due società devono trovare il migliore approccio per persuadere il giudice a sospendere le cause che potrebbero portare al fallimento del colosso di casinò.

I rappresentanti di Caesars dovrebbero presentare i documenti necessari illustrando le ragioni per cui le cause devono restare congelati. Se le cause vengono messe in attesa, Caesars avrà abbastanza tempo per negoziare gli accordi con i creditori per evitare l’eventuale fallimento.

L’attuale congelamento scade il 29 agosto, ma un’audizione in merito all’estensione del congelamento è fissata per il 23 agosto quando il giudice Benjamin Goldgar adotterà una posizione definitiva al riguardo.

La settimana scorsa Caesars ha fatto un’offerta vantaggiosa agli investitori junior e ha offerto 55 centesimi sul dollaro. Come hanno riportato in precedenza i rappresentanti della società, quasi il 40% degli obbligazionisti second-lien hanno trovato il nuovo affare redditizio.

Tuttavia, i mediatori di Caesars hanno riportato che un gruppo di obbligazionisti avevano respinto l’offerta. Secondo i fonti affidabili gli obbligazionisti non sono predisposti a vendere il loro debito a meno che l’acquirente si impegni a essere un holdout.

I creditori accusano Caesars di non aver mantenuto la propria promessa di ripagare il debito enorme nei tempi concordati. La società è anche accusata di aver spostato attivi fuori dalla portata dei creditori a poco prima di annunciare il fallimento dell’unità operativa lo scorso anno.

L’importo con cui la società operativa è stata indebitata è stimato a 5,5 miliardi di dollari. Se la società di gestione sarà costretta a ripagare il debito, Caesars non avrà altra scelta che dichiarare il fallimento.

Nel mese di giugno Caesars è stato concesso di una tregua di due mesi e mezzo e si aspettava di siglare un accordo di ristrutturazione con i creditori. Quanto alla nuova richiesta di prolungare il congelamento, le persone a conoscenza della materia sostengono che le possibilità di ottenere l’approvazione del giudice sono abbastanza scarse.

In aggiunta, il giudice che si occupa della causa di Caesars ha detto che i dirigenti della società avevano bisogno di discutere tutte le possibilità con i holdouts invece di cercare di trovare un modo indiretto per farli accettare i loro termini.

Il giudice ha detto che se avessero concesso a Caesars un’altra estensione, sarebbe stato un prerequisito di evitare le trattative con gli obbligazionisti second-lien, che rischiava di non portare al risultato desiderato.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.

Comments are closed.

Share This:
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit