Il poker pro Gordon Vayo denuncia PokerStars per il mancato pagamento di 700.000$ allo SCOOP

Il poker pro statunitense Gordon Vayo, noto per il suo secondo posto al Main Event delle WSOP nel 2016, ha denunciato PokerStars per il loro rifiuto di pagargli quasi 700.000$ per il suo trionfo a un evento SCOOP la scorsa primavera.

L’operatore di poker online ha detto che non può pagare a Vayo il suo premio perché aveva motivo di ritenere che il giocatore avesse giocato nel torneo che aveva vinto, o almeno una parte di esso, dagli Stati Uniti. I giochi online sono vietati negli USA ad eccezione di quattro stati. Tuttavia, PokerStars non ha concessione di fornire poker online in nessuno dei quattro stati.

Vayo ha presentato una denuncia presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Centrale della California con le accuse di frode e inganno, violazione del contratto e pubblicità ingannevole. Il professionista del poker ha anche sostenuto di aver fornito prove del fatto che aveva giocato l’intero torneo in Canada, dove PokerStars aveva precedentemente autorizzato il gioco all’interno dei confini del paese. Tuttavia, l’operatore ha sottolineato che, nonostante le prove, non era ‘inconcepibile’ che il giocatore fosse stato negli Stati Uniti a un certo punto del torneo.

L’operatore di poker ha affermato che Vayo aveva giocato almeno parte del torneo all’interno degli Stati Uniti e che il suo premio non gli poteva essere pagato per questo motivo.

Pubblicità ingannevole

Vayo ha preso parte e ha vinto l’evento #1-H $1.050 No-Limit Hold’em dello Spring Championship of Online Poker nel 2017. Il festival di poker online è organizzato ogni anno da PokerStars. Il giocatore ha vinto 692.460,92$ dopo aver battuto un field di 5.821 entries, l’importo che ora cerca di ottenere dall’operatore di poker.

Come accennato sopra, Vayo è stato attivo anche sulla scena del poker dal vivo negli ultimi anni. Il giocatore vanta un bankroll di poker live di oltre 6,2 milioni di dollari. È stato runner-up di Qui Nguyen nell’edizione 2016 del Main Event delle WSOP, incassando oltre 4,6 milioni di dollari per la sua deep run.

Nella sua denuncia contro PokerStars, lui ha inoltre accusato l’operatore di pubblicità ingannevole. Vayo ha affermato che PokerStars accetta i cittadini statunitensi sul suo sito web globale e lo fa da anni. Il professionista di poker ha detto inoltre che quando un giocatore aveva vinto una grande somma di denaro, PokerStars ha lanciato una ‘finta investigazione’ sulle attività di quel giocatore e sulla posizione da cui ha avuto accesso al suo sito. L’operatore ha costretto così il giocatore a ‘dimostrare retroattivamente’ che era ‘inconcepibile’ che uno potesse giocare all’interno degli Stati Uniti. Di conseguenza, PokerStars ha rinunciato di pagargli le vincite in quanto non si è mai accontentato delle prove fornite, sostiene il giocatore nella sua denuncia.

PokerStars non ha ancora commentato sulla questione.

La notizia del rinunciato pagamento della vincita dallo SCOOP 2017 è emersa in un momento quando l’edizione di quest’anno del festival era appena iniziata. Si svolgerà fino al 21 maggio e PokerStars ha promesso di mettere in palio oltre 110 milioni di dollari di premi in denaro, in quanto il marchio SCOOP festeggia il suo decimo anniversario.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit