Paddy Power chiude le sue attività italiane e invita i giocatori a provare la piattaforma di Betfair

Uno dei principali bookmaker Paddy Power ha annunciato che chiuderà le sue attività e non offrirà più i suoi servizi di gioco per i suoi clienti italiani. In seguito alla fusione con Betfair, avvenuta lo scorso anno, dopo 5 anni sul mercato italiano l’operatore ha deciso di rinunciare alla sua concessione di gioco a distanza in scadenza e di continuare ad operare attraverso Betfair Italia.

Lo scorso mercoledì, i clienti del sito italiano di Paddy Power hanno ricevuto un’e-mail, in cui sono stati informati che nel mese di dicembre 2017 l’operatore cesserà la sua offerta di gioco. Secondo quanto si legge ulteriormente nella nota, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, ha già accolto la sua richiesta di rinuncia alla concessione n.15236, con la quale Power Leisure Bookmakers Limited stava operando nel paese.

Per tale motivo, entro due mesi i conti gioco degli utenti potrebbero essere chiusi. Nell’e-mail si legge inoltre che la data precisa, dalla quale non sarà possibile giocare su Paddy Power sarà comunicata ai clienti nelle prossime settimane. I giocatori di Paddy Power sono stati quindi invitati a provare la piattaforma di Betfair Italia S.r.l.c, titolare di concessione GAD n.15211, con le stesse credenziali.

Come menzionato sopra, l’8 settembre 2015 Paddy Power e l’altro principale operatore di gioco Betfair si sono messi d’accordo su una fusione di 5 miliardi di sterline per creare una delle più grandi imprese nel settore. La fusione è stata completata il 2 febbraio 2016 il 52% delle azioni della società sono diventati proprietà degli ex azionisti di Paddy Power, mentre il restante 48% sono gestiti dagli ex azionisti di Betfair.

La fusione ha dato i suoi frutti e nel 2016 il gettito della società ha raggiunto 1,55 miliardi di sterline, in crescita del 18% su base annua. L’EBITDA di Pady Power Betfair Plc è aumentato del 35%, toccando 400 milioni di sterline. Inoltre, la raccolta dalle scommesse sportive della società è stata pari a 9,89 miliardi di sterline e i ricavi del segmento hanno raggiunto 1,19 milioni di sterline, in aumento del 19% su base annua. Una crescita del 14% è stata registrata anche nel segmento dei giochi da casinò che hanno generato 353 milioni di sterline.

Le misure sulle scommesse sportive nell’ultima bozza del Bilancio 2018

L’annuncio della rinuncia alla concessione di Paddy Power arriva in un momento quando il Ministero dell’Economia e delle Finanze sta esaminando le misure sulle scommesse sportive della legge Bilancio 2018. Secondo quando emerso nei media negli ultimi giorni, per il prossimo anno è possibile una proroga delle attuali concessioni. Tale proroga potrebbe costare agli operatori 5.000€ per le agenzie e 3.000€ per i corner, vale a dire 50 milioni di euro.

Un’altra misura che si sta attualmente esaminado è l’aumento della tassazione sul margine. Secondo quanto previsto nell’ultima bozza del Decreto Bilancio, l’aumento dell’imposta passerà dal 22% al 23% per le scommesse online e dal 18% al 19% per le scommesse fisiche. La disposizione permetterà di reperire le entrate più elevate per l’Erario che serviranno ad alimentare il Fondo Sport e Periferie.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Share on LinkedIn
Linkedin
Share on Reddit
Reddit