Il Consiglio Nazionale della Svizzera approva l’esonero dalle tasse sulle vincite dal gioco d’azzardo

In una sessione del Consiglio Nazionale della Svizzera ieri sono stati votati diversi aspetti della nuova normativa sul gioco d’azzardo del paese. Tra le altre misure, il Nazionale ha approvato con 97 voti contro 89 l’esenzione dal pagamento delle tasse sulle vincite da lotterie, scommesse sportive e giochi di destrezza. Questa misura è volta a sostenere gli operatori locali nella lotta efficace contro la concorrenza estera, comunica Corriere del Ticino.

Va ricordato che alla fine di maggio in una sessione delle Camere federali, il Consiglio degli Stati si è pronunciato contro una tale esenzione, mentre i casinò terrestri erano già esonerati da un tale obbligo. La proposta è stata respinta con 30 voti contro 12 confermando l’esonero solo per le vincite inferiori a 1 milione di franchi. Nonostante che l’esenzione miri a favorire gli operatori locali, secondo le stime, comporterà a una perdita di 120 milioni di entrate da gioco.

L’esenzione è stata sostenuta da UDC e PLR, mentre la minoranza del plenum voleva che il limite di 1 milione fosse applicato per i siti di gioco d’azzardo online. Accettando l’esonero al pagamento delle imposte sui giochi d’azzardo, i senatori sperano di rendere la Svizzera più attrattiva per i giocatori che tendono a spendere il loro denaro all’estero.

Il Nazionale ha confermato anche un aspetto relativo alle case da gioco in montagna, che sono in gran parte dipendenti dall’attività turistica. In precedenza, con 118 voti contro 63 e 5 assenti, la Camera del popolo aveva deliberato che i casinò in montagna che si trovano in difficoltà finanziarie possano chiudere i giochi da tavolo per 270 giorni all’anno (invece dei 60 giorni). Una parte dei Verdi, dell’UDC e del PLR si sono opposti alla disposizione, ritenendo che non ci sia un motivo particolare per cui favorire le case da gioco in montagna.

Inoltre, con 136 voti contro 48 e 1 astenuto, il Nazionale ha anche accettato di allinearsi al compromesso dei senatori sulla regolamentazione dei giochi d’azzardo, proposti dai media volti alla promozione delle vendite. La disposizione non riguarda la partecipazione ai giochi gratis.

Un aspetto molto importante della nuova normativa è che la stessa prevede l’autorizzazione dei siti di gioco d’azzardo online. Nelle scorse edizioni il Nazionale, gli Stati e il governo hanno voluto il blocco dei siti illegali cono lo scopo di proteggere i giocatori e favorire gli operatori locali. Secondo la nuova legislazione, le case da gioco potranno offrire giochi online, dopo aver chiesto un’estensione della propria concessione.Anche i fornitori di gioco d’azzardo esteri saranno in grado di richiedere una licenza.

La nuova normativa prevede inoltre diverse misure relative al contrasto al gioco patologico. È stata respinta invece la proposta di introdurre una tassa destinata a contrastare la dipendenza e sono pure state respinte le proposte di avviare un sistema che impedisca l’accesso al gioco da parte dei minori e quella di creare una Commissione federale che si occupi con le questioni legate al gioco eccessivo.

La normativa sarà ritornata alla Camera dei Cantoni. Per la prima volta tutte le norme sul gioco d’azzardo vengono inserite in un’unica legge.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedInShare on Reddit