Perché Malta continua ad essere un principale centro di gioco d’azzardo?

Le persone con conoscenza del settore del gioco d’azzardo sanno bene che Malta è uno dei principali centri di iGaming nel mondo. Si tratta di una continua tendenza che molto probabilmente si manterrà nel futuro. Tra gli importanti fattori che contribuiscono all’immagine dell’isola come un principale hub di gioco sono il regime di regolamentazione, l’ambiente amichevole fiscale e la flessibilità per quanto riguarda l’emissione di licenze e le innovazioni tecnologici.

L’importanza del gioco d’azzardo per l’economia del paese

Per poter analizzare i suddetti fattori, dobbiamo prima sottolineare che il gioco d’azzardo è un settore di costante sviluppo e di particolare importanza per l’economia dell’isola Mediterranea.

Secondo le stime dell’Ufficio Nazionale di Statistica di Malta per il primo trimestre del 2017, il settore del gioco rappresenta il 13% del valore aggiunto lordo generato nel paese (277 milioni di euro). La cifra rappresenta una crescita del 10% su base annua. Oltre a ciò, il gaming ha avuto impatto positivo su altri indicatori macroeconomici, quale l’occupazione, che è aumentata del 16% nel settore. Le altre industrie legate al gioco sono l’IT, e l’immobiliare.

A dicembre 2016, Dott. Emmanuel Mallia, Ministro dell’economia digitale di Malta ha riportato che nel 2015 il settore del gioco ha generato le entrate di 700 milioni di euro, pari al 10% del PIL nazionale. Inoltre, sempre nel 2015, l’industria del gioco ha contribuito al bilancio dello Stato con 55,8 milioni di euro di imposte. Per il 2016 ci si aspettava un aumento a 56,7 milioni. Secondo il ministro, il gioco d’azzardo ha generato circa il 10% del’economia di Malta.

Recentemente, in un’intervista per il sito web di Malta Chamber of Commerce, Enterprise and Industry (MCCEI), l’economista Gordon Cordina ha detto che il gaming ha rappresentato più del 20% della crescita economica di Malta nel periodo tra il 2011 e il 2016.

Durante la stessa intervista, in cui hanno partecipato il Ministro dell’economia Chris Cardona e il presidente del Malta Business Bureau David Zahra è stato reso noto che il governo cercherà di migliorare ulteriormente il PIL del paese, raggiungendo una crescita del 6,5% entro la fine del 2017. Secondo quanto riferito, nel 2016 l’aumento del PIL è stato pari al 5%.

Il ministro Cardona ha affermato che i legislatori vorrebbero focalizzarsi ulteriormente sulla promozione di Malta come un hub popolare per più sottosettori di tecnologia e di comunicazione. Secondo il sig. Zahra, il settore del gioco d’azzardo online e il settore dei servizi finanziari continueranno ad essere i principali fattori di crescita economica nel prossimo anno. La reputazione di Malta come una destinazione attraente per la forza lavoro e l’ambiente fiscale amichevole sono stati elencati come fattori importanti che hanno contribuito e continueranno a favorire l’ulteriore sviluppo di questi due settori.

A tutto ciò, va aggiunto il fatto che ultimamente nel paese è osservata un crescente interesse da parte degli operatori che desiderano ottenere una licenza maltese. In una recente relazione, la Malta Gaming Authority ha detto che nel corso del primo trimestre del 2017 è aumentato il numero di richieste di concessioni. In effetti, durante il periodo in esame sono state presentate 44 richieste, rispetto alle 22 depositato nello stesso periodo del 2016. Entro il 31 marzo 2017 il regolatore ha rilasciato 543 richieste di licenze, il che può essere interpetato come una testimonianza dell’impegno del paese nello sviluppo del settore.

Il nuovo regime di regolamentazione

Negli ultimi mesi è stata discusso il nuovo regime di regolamentazione del gioco d’azzardo dopo che la Malta Gaming Authority ha pubblicato un Libro bianco che offre riforme importanti nella legislazione attuale. In effetti, il nuovo quadro normativo ha l’obiettivo di sostituire le norme esistenti con un unico documento – Gaming Act.

MGA ha lavorato a stretto contato con il Ministero delle Finanze per la creazione del nuovo sistema di regolamentazione e del Gaming Act che offrirà anche un nuovo sistema di licenze. Ai sensi del nuovo quadro, invece del sistema basato sui classi, verranno introdotti solo due tipi di licenze – Business-to-Consumer (B2C) e Business-to-Business (B2B).

Il quadro prevede anche altre modifiche, tra cui l’esenzione da imposte sui giochi dei concessionari B2B. Questa misura ha l’obittivo di aumentare la competitività di Malta come centro per i fornitori di giochi. Commentando la proposta normativa, il Ministro Cordona ha detto che i legislatori cercano di facilitare le aziende quando fanno le richieste di licenza e ridurre la burocrazia.

Joseph Cuschieri, presidente della Malta Gaming Authority ha commentato che il regolatore si è impegnato nel miglioramento dei servizi, della gestione e della supervisione delle attività di gioco e per loro rimane una priorità garantire l’integrità dei giochi e la protezione dei minore e del resto della popolazione, così come la prevenzione delle frodi e della criminalità.

In un’intervista a Casino News Daily a maggio, Cuschieri ha dichiarato che il nuovo regime semplificherà l’amministrazione e l’osservanza per i licenziatari e comprenderà disposizioni tecnologiche orientate all’innovazione allo sviluppo tecnologico. Secondo il dirigente l’attuale regime funziona bene da 12 anni, ma il settore si è sviluppato molto negli ultimi anni e bisogna adattarsi tramite una nuova generazione di normative che puntano sull’innovazione, sullo sviluppo tecnologico e sulle nuove forme di gioco.

Secondo quanto riportato da Cuschieri, la nuova normativa si aspetta di essere introdotta nel quarto trimestre del 2017. Intanto, la MGA ha previsto un periodo di consultazione tra tutte le parti interessate che sono in grado di presentare le loro opinioni all’autorità.

Un altro fatto interessante è che lo scorso anno, la MGA ha introdotto un nuovo regime di regolamentazione per i cosiddetti Skill Games ed è diventato il primo a designare i Daily Fantasy Sort come giochi che richiedono abilità in una categoria separata. Inoltre, la nuova normativa sui giochi di abilità prevede una nuova impostazione. Di conseguenza, l’operatore di fantasy sports DraftKings e il fornitore Oulala hanno già ottenuto una concessione di offrire questo tipo di giochi a Malta.

Come già menzionato, le tasse sul gioco a Malta sono tra le più competitive al mondo e pertanto l’isola è una destinazione preferita per molti operatori. Senza dubbio, anche la nicchia degli Skill Games e dei Daily Fantasy Sports attirerà altre società di gioco nel paese.

Conclusione

Tornando alla nostra domanda iniziale ‘Perché Malta continua (e continuerà) ad essere un principale centro di gioco d’azzardo?’, si può dire che il gioco d’azzardo è diventato di particolare importanza per lo sviluppo del paese e il governo, che è ben consapevole di questo fatto, punta sull’ulteriore miglioramento dei risultati. I legislatori e le autorità locali lavorano per la creazione di normative che si adattano allo sviluppo tecnologico e alle esigenze del settore, riducendo la burocrazia. Inoltre, si impegnano di garantire la tutela dei consumatori e allo stesso tempo di affrontare il crescente interesse da parte degli operatori.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedInShare on Reddit