Dario Minieri – gli alti e i bassi nella carriera del poker pro romano

Negli ultimi mesi sulla scena del poker è ritornata una delle figure più amati tra gli appassionati del gioco nel nostro paese. Si tratta di Dario Minieri che dopo un’assenza di 4 anni ha recentemente preso parte alle WSOP. La sua carriera di poker è stata segnata da un forte slancio negli anni 2000 seguito da un periodo di ‘siccità’. Qui di seguito cerchiamo di fornire più dettagli relativi agli alti e ai bassi del player.

Chi è Dario Minieri?

Forse non esiste un giocatore di poker contemporaneo che non sappia il suo nome. Minieri, noto con lo pseudonimo ‘Supernova’, è nato a Roma, 10 febbraio 1985. Prima di cominciare la sua carriera di poker, il player era un appassionato del primo gioco di carte collezionabili Magic: l’Adunanza. Ha abbandonato gli studi di psicologia per dedicarsi al poker online.

Il suo nome è entrato nella storia dopo che a soli 23 anni, Minieri ha trionfato alle WSOP, realizzando il sogno di molti – quello di vincere un braccialetto d’oro. 2008 è stato il migliore anno nella sua carriera di poker live, in cui ha vinto circa 1,5 milioni di dollari. Il suo attuale bankroll ammonta a 1,9 milioni di dollari e anche se ultimamente non l’abbiamo visto molto ai tavoli di poker, Darietto è ancora tra i migliori poker pro del nostro paese ed è 11° nell’All Time Money List Italia.

Si può dire che grazie ai suoi primi successi il giocatore è diventato un’ispirazione per un’intera generazione di giocatori non solo a livello nazionale, ma anche internazionale.

I primi passi nel poker professionale

Dario Minieri ha debuttato sulla scena del poker live nel 2005 quando è arrivato ai premi in due tornei del Campionato Italiano di Poker (Italian Poker Championships) a Nova Gorica. L’anno successivo si è dimostrato di essere ancora più redditizio per lui.

Giocando regolarmente alle partite heads-up di alto buy-in su PokerStars, il giocatore ha raggiunto il livello Supernova elite. Il numero di Frequent Player Points che ha guadagnato giocando sulla poker room della picca rossa è stato così grande che il player è diventato il primo giocatore a comprare una macchina. Con i suoi 3 milioni di FPP e senza ancora avere una patente, Minieri ha acquisito un Porsche Cayman.

Forse i successi online gli hanno dato una spinta per partecipare anche a tornei dal vivo. Sempre nel 2006, Minieri è arrivato ai premi incassando 16.800€ al €10,000 No Limit Hold’em – EPT Grand Final a Monte Carlo e poco dopo ha debuttato al Main Event delle WSOP per 22.266$. In ottobre, ha realizzato il suo primo successo più significativo. Il giocatore ha completato il podio del €5.000 No Limit Hold’em – EPT Main Event a Baden, incassando la terza moneta di 125.780€.

Le WSOP 2007 e 2008

A luglio 2007, Minieri ha preso parte alla 38esima edizione delle WSOP a Las Vegas. Prima, il giocatore si è iscritto al $1.000 No Limit Hold’em – un torneo che ha attirato 844 entries. L’evento ha messo in palio 2,53 milioni di dollari e Dario è stato uno dei fortunati ITM. Il player romano è arrivato 27° per 16.212$.

Inoltre, Minieri ha partecipato al Main Event che ha fatto registrare 6.358 entries che hanno creato il prize pool di ben 59,78 milioni di dollari. Grazie al suo stile aggressivo Dario è riuscito a conquistare la chip lead alla fine del Day 3. Succesivamente, ha chiuso il torneo in 96° posto per 67.535$ – un ottimo risultato per un giocatore a 22 anni.

La stella di Minieri ha brillatto nel 2008 – il migliore anno nella sua carriera. A gennaio, il player ha vinto un torneo Freezout da 5.200$ in modalità winner takes it all. Minieri è riuscito a trionfare all’evento in cui hanno preso parte 20 giocatori. Alla sfida finale, ha rifiutato un deal contro il suo avversario Isaac Baron è infine si è aggiudicato 100.000$.

In aprile è arrivato terzo al €5.000 Main Event dell’EPT a Sanremo, conquistando il premio di 287.600€. Questi sono solo due esempi dello slancio che ha Minieri avuto prima della sua partecipazione alle WSOP.

Il più grande successo è arrivato a luglio 2008, quando il giocatore ha trionfato al $2.500 No Limit Hold’em Six Handed. In quel momento Dario faceva parte del Team PokerStars e ha acquisito una grande popolarità. Il giocatore ha dominato il torneo e ha aperto il final table da chip leader. Dopo i primi due livelli ha accumulato il 50% dei chips in gioco e ha vinto il 45% delle mani che ha giocato.

Ovviamente la sua sciarpa della Roma con cui si è presentato al tavolo finale gli ha portato fortuna e Minieri è riuscito a sconfiggere Seth Fischer all’heads-up finale. Così, l’italiano è emerso vincitore di un field di 1.012 entries, conquistando il prezioso braccialetto d’oro e la prima moneta di ben 528.418$.

Il suo successo è stato osservato dai suoi amici italiani e dal suo compagno del Team pro di PokerStars – Luca Pagano. Il suo trionfo è diventato esemplare per tutti giovani giocatori che hanno sognato di vincere un torneo di questa scala. Un altro grande nome dle poker italiano Dario Sammartino ha ammesso che quando ha iniziato a giocare a poker, Dario Minieri è stato il suo unico idolo pokeristico.

Minieri ha chiuso il 2008 con due incassi – 123.162€ per la terza piazza al Main Event dell’EPT Varsavia e 8.300€ per la 47esima posizione all’EPT Main Event Praga.

Gli anni di siccità

Il 2009 e il 2010 sono stati gli ultimi anni di più grande importanza nella carriera di Dario Minieri, comunque non sono stati i più forti. Nel 2009 il totale delle vincite live hanno ammontato a 180.253$ e nel 2010 hanno raggiunto 191.983$. Da segnare nel 2009 il 7° posto alle WPT Venice, per cui ha Minieri ha vinto 48.680€ e il trionfo al €12.255 No Limit Hold’em – High Roller nell’ambito dell’EPT Varsavia per 77.206€.

L’anno successivo il giocatore romano ha preso parte alle WSOP ed è arrivato al tavolo finale del $10.000 Seven Card Stud Hi/Lo 8 Championships, aggiudicandosi 52.366$ per l’ottava posizione. Il totale dei suoi incassi da quell’edizione delle serie ha ammontato a 86.814$ .

Più tardi quell’anno ha trionfato al €3.500 No Limit Hold’em – Pro League Entry all’IPT Sanremo incassando 52.000€ – il suo ultimo premio più alto.

Dopo il forte slancio nei primi anni della sua carriera sembrava che nessuno lo potesse fermare, ma, da un certo punto in puoi ha cambiato rotta. Nel 2011 e 2012 complessivamente è riuscito a realizzare solo 4 incassi a importanti tornei dal vivo per un totale di 44.607$ – una somma che nel passato poteva vincere in una solo competizione.

Nel 2013 in un’intervista a PokerListings Minieri ha confessato che doveva fare un ritorno e che aveva la fame di vincere più braccialetti d’oro e spera di avere ulteriori successi. Lo stesso anno è andato ai premi in due tornei delle WSOP, arrivando al tavolo finale di $5.000 Pot Limit Hold’em per 26.468$. Questi sono stati gli unici due tornei in cui ha realizzato vincite quell’anno.

L’operazione ‘All-in’

Nel 2014 il giocatore è sparito dalla scena del poker. Per di più, si è separato con il Team Pro PokerStars e non si vedeva neanche online. In gran parte la sua assenza dalla scena del poker si può spiegare con la cosiddetta operazione ‘All-in’. Si tratta di un’iniziativa dell’Amministrazione Finanziaria che ha fatto una serie di verifiche sulle vincite di gioco d’azzardo ottenute all’estero da cittadini italiani. pagare più di 1 milione di ero di imposte.

Ancorta nel 2012 AF aveva preso di mira anche il player romano che ha ricevuto 4 avvisi di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate di Roma, in cui veniva contestata la mancata dichiarazione delle sue vincite nel 2006 e nel 2009. Il giocatore veniva richiesto di pagare più di 1 milione di ero di imposte.

Nel 2015 la Commissione Tributaria Provinciale di Roma ha annullato le ‘inverosimili’ richieste del Fisco. Tuttavia la commissione ha fatto un appello contro la sentenza. La risoluzione al problema è arrivata a luglio 2016 quando il suo avvocato ha annunciato che il Collegio giudicante aveva rigettato l’appello del Fisco, confermando l’annullamento delle sue richieste.

Tenendo conto di tutto quanto, non è una sorpresa che negli ultimi anni non abbiamo visto il volto di Darietto sulla grande scena del poker. Tuttavia, quest’anno Minieri è tornato alle WSOP prendendo parte al Main Event. Anche se è stato eliminato nel Day 2C, la sua apparizione è stata apprezzata dai suoi colleghi del poker internazionale e dai suoi tifosi in Italia. Speriamo che Minieri riuscirà a riconquistare la sua fama di uno dei top player e che la sua storia sarà completata con nuovi successi nel prossimo futuro.

Notizie correlate

CasinoNewsDaily è un supporto mediatico che mira a fornire notizie quotidiane dal settore del casinò e guide di gioco dettagliate. Le nostre guide trattano i giochi della roulette, blackjack, slot e video poker.
Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedInShare on Reddit